Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Media e memoria. Considerazioni sul ricordo e sull'oblio nella modernità.

La memoria è naturalmente data? Il ricordo, il sentimento, la Storia, sono costruiti e decostruibili?
Chi è l’individuo in possesso di una memoria assemblata? Ed ancora: chi è l’individuo moderno che non la possiede più? Cosa è diventata con l'impatto delle tecnologie e dei mezzi di comunicazione/trasmissione?
Il presente lavoro vede il suo punto di partenza in questi interrogativi. Esso intende fornire una panoramica, cioè, sulla questione della Memoria: l'interesse sociologico a partire dall'inizio del '900 (intensificatosi a partire dalla seconda metà del secolo), le opportunità fornite dai media in quanto strumenti di memoria e le problematiche derivanti da un uso/abuso da parte degli stessi. L'elaborato esordisce con un tentativo di definizione della memoria in quanto questione trasversale fino ad approdare all'approccio della Sociologia della memoria che ne scandaglia la tessitura, ne rivela la sua natura costruita e costruttiva ed osserva i meccanismi che sono alla base della sua produzione, manipolazione e cancellazione, senza sottrarre all'indagine la riconfigurazione dell'individuo e della sua identità nella modernità.
Nel tentativo di una definizione della memoria come punto di partenza, non ci sottrarremo dal tentativo di inquadrarla dal punto di vista psicologico, per poi approdare a quello della Sociologia della memoria in questa sede considerato principale.
La seconda sezione passerà in rassegna le principali pratiche sociali della memoria, compresa l’oggettivazione e fissazione proprio in quanto condivisione di valori (che vengono reificati) allo scopo di creare una memoria collettiva, una dimensione di simboli e testi sulla quale essa possa poggiare per esistere, per consolidarsi e per tramandarsi in modo transgenerazionale.
Tra novità e conseguenze negative, tra affermazione, riaffermazione e perdita, il terzo capitolo entra nel vivo della memoria e dell’esperienza come “terreno di dibattito collettivo”: la mediazione tecnica è responsabile di una configurazione nuova del tempo, dello spazio e dei rapporti con gli individui ed attraversa inevitabilmente la memoria collettiva ed il senso del passato, del presente e del futuro.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Il presente lavoro intende fornire una panoramica s ulla questione della memoria: l'interesse sociologico a partire dall'inizio del ' 900 (intensificatosi a partire dalla seconda metà del secolo), le opportunità fornite da i media in quanto strumenti di memoria e le problematiche derivanti da un uso/a buso da parte degli stessi. L'elaborato esordisce con un tentativo di definizio ne della memoria in quanto questione trasversale fino ad approdare all'approcc io della Sociologia della memoria che ne scandaglia la tessitura, ne rivela l a sua natura costruita e costruttiva ed osserva i meccanismi che sono alla b ase della sua produzione, manipolazione e cancellazione, senza sottrarre all' indagine la riconfigurazione dell'individuo e della sua identità nella modernità . Nel tentativo di una definizione della memoria come punto di partenza, non ci sottrarremo dal tentativo (umile) di inquadrarla da l punto di vista psicologico, per poi approdare a quello della Sociologia della m emoria. La seconda sezione passerà in rassegna le principal i pratiche sociali della memoria, compresa l’oggettivazione e fissazione pro prio in quanto condivisione di valori (che vengono reificati) allo scopo di cre are una memoria collettiva, una dimensione di simboli e testi sulla quale essa poss a poggiare per esistere, per consolidarsi e per tramandarsi in modo transgeneraz ionale. Tra novità e conseguenze negative, tra affermazione , riaffermazione e perdita, il terzo capitolo entra nel vivo della memoria e dell’ esperienza come “terreno di dibattito collettivo”: la mediazione tecnica è resp onsabile di una configurazione nuova del tempo, dello spazio e dei rapporti con gl i individui ed attraversa inevitabilmente la memoria collettiva ed il senso d el passato, del presente e del futuro.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Laura Dicosimo Contatta »

Composta da 113 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3549 click dal 15/11/2011.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.