Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi di induttori integrati a film magnetico mediante simulatori EM

In questa tesi sono stati analizzati induttori integrati nel caso di utilizzo di film ad elevata permeabilità magnetica relativa (μR).
In particolare, la tecnologia dei film magnetici consente oggi di integrare uno o più strati di materiale ferromagnetico sui tradizionali processi al silicio con l’obiettivo di incrementare sensibilmente il livello di induttanza per unità di area e migliorare il fattore di qualità soprattutto a bassa frequenza.
Lo studio è stato focalizzato su un particolare materiale conosciuto con la sigla CZT (CoZrTa) che si è già dimostrato adatto all’integrazione e mostra interessanti valori di μR (fino a circa 700). Questo materiale tuttavia è un materiale anisotropo e dispersivo e quindi l’analisi di strutture con film di CZT non può essere condotta mediante i tradizionali tool di simulazione EM 2D, ma richiede l’uso di simulatori full-wave 3D (HFSS) con opportuni set-up per la modellizzazione della dispersività e dell’anisotropia del materiale. In tal modo sono state analizzate le prestazioni di induttori a spirale e di tipo “elongated”, valutando soluzioni a singolo e doppio film magnetico (isotropo e anisotropo) con l’introduzione di vias magnetiche e di strutture patternate per ridurre gli effetti di perdita.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO1 Induttori integrati su silicio 1.1 Induttori integrati e induttori discreti GliinduttoriintegratisonoampiamentediffusinellambitodeicircuitiRF, perchè offrono un ingombro ridotto rispetto allinseriment o di un induttore discreto esterno. Linduttore integrato, diversamente da quello discreto, non può assumere la caratteristica forma di un solenoide, infatti anche se è possibile realizzare induttori integrati che ricordano la forma di un solenoide, una forma planare risulta essere più efficiente e anche di più semplice realizzazione. Gli induttori discreti sono da preferire quando cè bisogno di basse tol leranze e alto fattore di qualità, e quando non si hanno problemi di spazio 1

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Nunzio Greco Contatta »

Composta da 105 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 470 click dal 25/11/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.