Skip to content

Lolita come mondo della pura soggettività, tra due linguaggi: letteratura e cinema.

Informazioni tesi

  Autore: Niccolò Falsetti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Mario Capaldo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 57

Era il 1962 e da una sala cinematografica, usciva uno scrittore deluso. A deluderlo era stato un film scritto da lui e diretto da Stanley Kubrick: Lolita. Come avremo modo di ribadire più avanti, la sceneggiatura aveva subito pesanti ritocchi in fase di ripresa, senza che l'autore, Vladimir Nabokov, ne fosse minimamente informato. La firma della sceneggiatura era comunque rimasta la sua. Ed era per giunta valsa allo scrittore, una nomination per l'oscar. Scrive Enrico Ghezzi in un breve saggio introduttivo alla versione italiana della sceneggiatura originale di Lolita:
Nella delusione (forse nella stizza) di riconoscere nel film finito solo una piccola parte del proprio lavoro non c'è neanche un barbaglìo del sentimento d'esser stato tradito più che tradotto, neanche l'ombra di un senso di sfruttamento e di sperpero del proprio romanzo. L'orgoglio dello scrittore che inseguiva farfalle non rimpiange un momento la stupenda pesantezza e opacità che acquistano appena viste, nel film di Kubrick, le architetture leggerissime in cui si ramifica l'ossessione di Humbert Humbert, doppio doppio dell'autore.1

La delusione dello scrittore è comunque significativa: ci indica di fatti che vi è uno scarto, non solo tra il tra il film e il romanzo ma addirittura tra il film e la sceneggiatura e che questo scarto è incolmabile. Ma d'altronde, anche solo e semplicemente raccontando una storia, mediante due linguaggi così complessi e diversi come la letteratura e il cinema, è impossibile non creare uno scarto. Questo scarto, come mi sono permesso di chiamare l'insieme delle molteplici piccole e grandi differenze che passano tra il libro e il film (passando, peraltro, tramite un particolare medium, il “film scritto”, la sceneggiatura) può però risultare molto più complesso da valutare nel suo insieme di quel che appare ad un primo sguardo. Sicuramente rappresenta il passaggio da un linguaggio ad un altro. Questo testo intende prendere in analisi questo insieme di differenze e metterle in relazione ad un'analisi di Lolita e alla sua comunicazione in due linguaggi, tentando di valutare quello scarto non come mancanza o come mutilazione ne come aggiunta o modifica, ma come portatore di un reale significato, trasmesso appunto nel passaggio da un linguaggio letterario a uno filmico.
Cercheremo di analizzare sia la soggettività totalmente antifilmica, scritta in un linguaggio del tutto anticinematografico, di cui il romanzo si fa straordinario portatore, sia la soggettività captata dal genio di Stanley Kubrick e proiettata attraverso il suo film in un orizzonte linguistico diverso tentando di captare i maggiori punti d'interesse di questa traslatio.
Cercheremo anche di capire quali conseguenze artistiche e sociali abbiano comportato la pubblicazione del romanzo e la produzione del film, tentando di raggiungere in qualche modo la straordinaria attualità di Lolita.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
L'alternarsi di amore e di odio caratterizza a lungo la situazione interiore di colui che vuole arrivare a giudicar liberamente sulla vita; egli non dimentica, e tutto addebita alle cose, sia il bene che il male. Alla fine, quando l'intera lavagna della sua anima sarà interamente scritta da esperienze, egli non disprezzerà né odierà l'esistenza, ma nemmeno la amerà, e starà al di sopra di essa, ora con l'occhio della gioia, ora con quello della tristezza, e il suo animo sarà come la natura, ora estivo, ora autunnale. F. Nietzsche 1) Premessa Era il 1962 e da una sala cinematografica, usciva uno scrittore deluso. A deluderlo era stato un film scritto da lui e diretto da Stanley Kubrick: Lolita . Come avremo modo di ribadire più avanti, la sceneggiatura aveva subito pesanti ritocchi in fase di ripresa, senza che l'autore, Vladimir Nabokov, ne fosse minimamente informato. La firma della sceneggiatura era comunque rimasta la sua. Ed era per giunta valsa allo scrittore, una nomination per l'oscar. Scrive Enrico Ghezzi in un breve saggio introduttivo alla versione italiana della sceneggiatura originale di Lolita : Nella delusione (forse nella stizza) di riconoscere nel film finito solo una piccola parte del proprio lavoro non c'è neanche un barbaglìo del sentimento d'esser stato tradito più che tradotto, neanche l'ombra di un senso di sfruttamento e di

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi