Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

mtDNA e dinamiche di popolazione nella Sardegna sud-occidentale

Lo scopo di questa tesi è quello di analizzare le dinamiche di popolazione in senso diacronico che hanno interessato negli ultimi due secoli la zona Sud-occidentale della Sardegna, quindi l’Alto e Medio Campidano ed il Sulcis-Iglesiente, e valutare se e in quale misura si siano verificate variazioni genetiche dovute a dinamiche microevoluzionistiche.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE 1. LA FILOGEOGRAFIA La filogeografia si occupa dello studio della distribuzione geografica delle linee genetiche che sono presenti nelle popolazioni all’interno di una specie o in gruppi di specie filogeneticamente vicine. Il termine “filogeografia”, coniato nel 1987, deriva infatti dalla fusione di “filogenetica”, cioè la genealogia dei geni, e “geografia”. L’analisi filogeografica indica che ogni specie ha la propria storia e l’attuale distribuzione geografica degli organismi viventi dipende sia da parametri storici che ambientali (De Candolle, 1820). La presenza di una specie in un determinato ambiente, è conseguenza di differenti fattori quali il rapporto che quella specie sviluppa con altre specie e con l’ambiente stesso in cui essa vive. Quindi si può affermare che sussiste uno stretto legame che unisce la variabilità genetica alla capacità di adattamento. In particolare, la distribuzione geografica della variabilità genetica nelle specie dipende da come le popolazioni hanno risposto ai cambiamenti climatici (primi fra tutti i cicli glaciali). Inoltre, le dimensioni della popolazione, la capacità di dispersione della specie, il tipo di rifugio, i livelli di flusso genico tra popolazioni e il tasso di ricolonizzazione sono tutti importanti fattori che hanno contribuito a determinare la struttura genetica delle popolazioni. La classificazione degli organismi in base alle specie è il risultato della ricostruzione filogenetica della loro storia evolutiva, un’analisi che oggi viene condotta principalmente a livello molecolare e si basa sul confronto delle sequenze nucleotidiche e/o amminoacidiche. I diversi tipi di dati molecolari rappresentano infatti una sorta di documento storico, che contiene in sé le tracce dei passi fondamentali dell’evoluzione di un gene.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Silvia Fenu Contatta »

Composta da 61 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 562 click dal 06/12/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.