Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

''Priorità e tendenze politiche per il 2011-2012''

Il testo che ho scelto di tradurre per il mio progetto finale di Master è un saggio intitolato Political trends and priorities 2011-2012 del dicembre 2010, scritto da Rosa Balfour, Janis A. Emmanouilidis e Fabian Zuleeg per lo European Policy Centre (EPC), un think tank indipendente che mira a promuovere il dibattito e la riflessione su problemi attuali e futuri che l’Europa si trova ad affrontare. L’EPC si dedica ad argomenti di politica comunitaria e fornisce analisi e informazioni sull’agenda politica europea basandosi su tre programmi principali: l’integrazione e la cittadinanza, l’economia politica europea e l’Europa nel mondo.
Questo saggio fornisce un’analisi alquanto dettagliata delle tendenze politiche e delle priorità dell’Unione Europea per il 2011-2012. Innanzitutto, il testo offre una riflessione sulle principali tendenze politiche ed economiche a lungo termine che, con tutta probabilità, andranno a costituire la struttura all’interno della quale l’Ue agirà in futuro. In secondo luogo, il saggio identifica le priorità per il 2011-2012 che determineranno l’agenda futura dell’Unione sulla base delle principali tendenze. A questo proposito vengono analizzati tre aree principali: l’economia politica europea, il ruolo dell’Europa nel mondo e la qualità della governance dell’Ue a seguito dell'entrata in vigore del Trattato di Lisbona. Infine, il saggio si conclude con una sintesi dei punti principali e con le conclusioni. L'analisi esposta si basa sui risultati di un progetto portato a termine dall'EPC nel primo semestre del 2010 per conto del Comitato economico e sociale europeo (CESE), un organo consultivo dell’Unione europea che elabora pareri sulle proposte di leggi europee e su altre problematiche importanti, fornendo assistenza alle maggiori istituzioni dell’Ue.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Prefazione Scelta del TP Il testo che ho scelto di tradurre per il mio progetto finale è un saggio intitolato Political trends and priorities 2011-2012 del dicembre 2010, scritto da Rosa Balfour, Janis A. Emmanouilidis e Fabian Zuleeg per lo European Policy Centre (EPC), un think tank indipendente che mira a promuovere il dibattito e la riflessione su problemi attuali e futuri che l’Europa si trova ad affrontare. L’EPC si dedica ad argomenti di politica comunitaria e fornisce analisi e informazioni sull’agenda politica europea basandosi su tre programmi principali: l’integrazione e la cittadinanza, l’economia politica europea e l’Europa nel mondo. Questo saggio fornisce un’analisi alquanto dettagliata delle tendenze politiche e delle priorità dell’Unione Europea per il 2011-2012. Innanzitutto, il testo offre una riflessione sulle principali tendenze politiche ed economiche a lungo termine che, con tutta probabilità, andranno a costituire la struttura all’interno della quale l’Ue agirà in futuro. In secondo luogo, il saggio identifica le priorità per il 2011-2012 che determineranno l’agenda futura dell’Unione sulla base delle principali tendenze. A questo proposito vengono analizzati tre aree principali: l’economia politica europea, il ruolo dell’Europa nel mondo e la qualità della governance dell’Ue a seguito dell'entrata in vigore del Trattato di Lisbona. Infine, il saggio si conclude con una sintesi dei punti principali e con le conclusioni. L'analisi esposta si basa sui risultati di un progetto portato a termine dall'EPC nel primo semestre del 2010 per conto del Comitato economico e sociale europeo (CESE), un organo consultivo dell’Unione

Diploma di Laurea

Facoltà: Social Sciences, Humanities and Languages

Autore: Michela Pes Contatta »

Composta da 125 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 371 click dal 29/11/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.