Skip to content

La politica energetica italiana nella figura di Enrico Mattei

Informazioni tesi

  Autore: Federico Solchi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze internazionali e diplomatiche
  Relatore: Francesca Fauri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 67

La mia ricerca tenta di ripercorrere le tappe più salienti della politica energetica italiana partendo dalla costituzione dell’AGIP, fortemente voluta dal regime fascista al fine di rendere il paese autonomo dal punto di vista energetico, fino ad arrivare a questi ultimi anni, dove il mercato dell’energia gioca un ruolo fondamentale a livello internazionale.
Il primo capitolo della mia ricerca è finalizzato a spiegare il perchè della nascita dell’Azienda Generale Italiana Petroli e ripercorre le tappe salienti da essa affrontate durante tutto il periodo autarchico, quali la nascita del cosiddetto “oil nationalism”, e l’installazione di una prima ed estesa rete di distribuzione di carburanti in Italia. L’ultimo paragrafo del primo capitolo è teso ad illustrare come la nomina di Enrico Mattei a commissario dell’AGIP in alta Italia abbia cambiato definitivamente le sorti dell’azienda, la quale, secondo i piani del nuovo governo repubblicano, doveva essere liquidata per fare posto agli interessi delle majors americane. Mattei, spinto da un fervente spirito nazionalista, portò avanti convintamene il suo piano e, dopo aver convinto gli ambienti governativi democristiani, riuscirà nel 1953 a costituire quella che ancora oggi è la più grande azienda italiana: l’Ente Nazionale Idrocarburi.
Il secondo capitolo affronta la nascita dell’Eni e il suo sviluppo durante i nove anni di presidenza di Mattei. L’intento di questo capitolo è quello di spiegare come in poco meno di un decennio Mattei e i suoi collaboratori, fra i quali spiccano i nomi di Marcello Boldrini e Carlo Zanmatti, siano riusciti a fare dell’Eni la principale industria energetica italiana e a renderla, allo stesso tempo, un attore talmente importante da cambiare le regole dell’industria petrolifera internazionale. Il mio elaborato finale si sofferma in particolare sulla strategia italiana perseguita dall’Eni, soprattutto tramite l’ammodernamento e la diversificazione in altri settori, come quello della meccanica e del tessile. Inoltre, ampio spazio è dato alle vicende internazionali dell’Ente, più in particolare quelle riguardanti i rapporti intrattenuti con i governi dei paesi produttori di petrolio e quelli con le multinazionali americane e britanniche che cercarono, in un primo tempo, di isolare l’Eni di Mattei tentando, in questo modo, di evitare una destabilizzazione del mercato petrolifero internazionale.
Il terzo capitolo affronta le vicende legate alla politica energetica italiana e all’Ente Nazionale Idrocarburi dopo il 1962, anno della morte di Mattei, partendo dagli anni del cosiddetto boom economico passando per il periodo compreso tra gli anni ’70 e ’80, caratterizzati principalmente dallo shock e controshock petrolifero, fino ad arrivare agli anni ’90, durante i quali, l’Eni fu oggetto del processo di privatizzazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione. L‟idea di scrivere un elaborato finale concernente la politica energetica italiana e più in particolare riguardante il ruolo di Enrico Mattei e dell‟Ente Nazionale Idrocarburi, si è fatta strada durante la mia frequenza al corso di Storia Economica dell‟Europa Contemporanea tenuto dalla Professoressa Fauri. È stata soprattutto la figura di Enrico Mattei ad incuriosirmi e accrescere in me la volontà di capire come un solo uomo sia riuscito a portare avanti e ad ultimare un progetto che collideva con alcuni dei più importanti interessi economici e politici di governi stranieri e multinazionali energetiche. La mia ricerca tenta di ripercorrere le tappe più salienti della politica energetica italiana partendo dalla costituzione dell‟AGIP, fortemente voluta dal regime fascista al fine di rendere il paese autonomo dal punto di vista energetico, fino ad arrivare a questi ultimi anni, dove il mercato dell‟energia gioca un ruolo fondamentale a livello internazionale. Il primo capitolo della mia ricerca è finalizzato a spiegare il perchè della nascita dell‟Azienda Generale Italiana Petroli e ripercorre le tappe salienti da essa affrontate durante tutto il periodo autarchico, quali la nascita del cosiddetto “oil nationalism”, e l‟installazione di una prima ed estesa rete di distribuzione di carburanti in Italia. L‟ultimo paragrafo del primo capitolo è teso ad illustrare come la nomina di Enrico Mattei a commissario dell‟AGIP in alta Italia abbia cambiato definitivamente le sorti dell‟azienda, la quale, secondo i piani del nuovo governo repubblicano, doveva essere liquidata per fare posto agli interessi delle majors americane. Mattei, spinto da un fervente spirito nazionalista, portò avanti convintamene il suo piano e, dopo aver convinto gli ambienti governativi democristiani, riuscirà nel 1953 a costituire quella che ancora oggi è la più grande azienda italiana: l‟Ente Nazionale Idrocarburi. Il secondo capitolo affronta la nascita dell‟Eni e il suo sviluppo durante i nove anni di presidenza di Mattei. L‟intento di questo capitolo è quello di spiegare come in poco meno di un decennio Mattei e i suoi collaboratori, fra i quali spiccano i nomi di Marcello Boldrini e Carlo Zanmatti, siano riusciti a fare dell‟Eni la principale industria energetica italiana e a renderla, allo stesso tempo, un attore talmente importante da cambiare le regole dell‟industria petrolifera internazionale. Il mio elaborato finale si sofferma in particolare sulla strategia italiana perseguita dall‟Eni, soprattutto tramite l‟ammodernamento e la diversificazione in altri settori, come quello della meccanica e del tessile. Inoltre, ampio spazio è dato alle vicende internazionali dell‟Ente, più in particolare quelle riguardanti i rapporti intrattenuti con i governi dei paesi produttori di

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

petrolio
eni
gas naturale
medio oriente
enrico mattei
sette sorelle
privatizzazione
energia in italia
politica energetica
agip
politica petrolifera
cortemaggiore
incidente di bescapè
nuovo pignone
oil companies
nazionalismo energetico
politica energetica fascista

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi