Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le posizioni di garanzia

Perchè la causazione e il mancato impedimento di un evento risultino penalmente equivalenti, non basta accertare il nesso di causalità ipotetivca tra l'evento e la condotta omissiva. Il meno che la causalità ipotetica possiede rispetto alla causalità reale deve essere compensato da un altro elemento, ossia dalla violazione dell'obbligo giuridico di impedire l'evento.
Questo concetto è specificato dallo stesso art 40 2 comma: "non impedire un evento che si ha l'obbligo giuridico di impedire equivale a cagionarlo".
Si usa comunemente dire che il titolare dell'obbligo giuridico di attivarsi è costituito garante dell'impedimento dellìevento concreto di danno o di pericolo.

Mostra/Nascondi contenuto.
8 CAPITOLO I – LE POSIZIONI DI GARANZIA Sommario: 1 – Le origini storiche della posizione di garanzia; 2 – La distinzione tra obbligo di garanzia e obbligo di diligenza. 1- Le origini storiche della posizione di garanzia La questione della responsabilità per omesso impedimento di un evento dannoso è antica quasi quanto il diritto penale. Il caso che più di frequente viene riportato è quello della persona che assiste all‟aggressione di un altro e, pur potendo salvarlo, rimane inerte 1 . Il modello tipico di illecito penale è tradizionalmente costituito dai reati di azione. Fino all‟ottocento la responsabilità per omissione aveva carattere eccezionale 2 . 1 DI VICO, L’omesso impedimento di un evento, in Annali di diritto penale,1933,765 Nel diritto romano vigeva il principio che nessuno era tenuto ad impedire un evento, potendo impedire la commissione di reato, e quindi non era punibile se restava inattivo. Nella riforma del diritto penale si manifesta in modo chiara la prevalenza della concezione romanistica, e cioè che nessuno è giuridicamente tenuto ad impedire un delitto: de jure civili nemo tenetur obviare delicto, salvo che si tratti della violazione di un obbligo giuridico. 2 NUVOLONE, L’omissione nel diritto penale ,considerazioni generali introduttive, in Indice Penale,434

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giulia Isabella Valenzi Contatta »

Composta da 247 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1617 click dal 25/11/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.