Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le ''sorores minores'' di Santa Chiara di Venezia nel XIII e XIV secolo

In questo lavoro ho cercato di ricostruire le origini ed i primi decenni di vita di quella che si può identificare con la prima comunità di Damianite a Venezia: Santa Maria Mater Iesu Christi, che poi prenderà il nome di Santa Chiara. Nel tracciare la storia di questo istituto religioso ho limitato cronologicamente la mia ricerca, partendo dalla data di fondazione (1237), fino ai primi decenni del XIV secolo. La dissertazione si basa su fonti documentarie, per la maggior parte inedite, conservate nell’Archivio di Stato di Venezia; estratti del documento di fondazione e di alcuni altri atti sono infatti stati già editi dallo Spada, che si è occupato delle origini del monastero, e dal Corner, nei suoi studi sulle chiese e monasteri di Venezia e Torcello. La documentazione base dalla quale sono partita è costituita da settantaquattro pergamene contenute nelle prime due buste del fondo di Santa Chiara di Venezia dell’Archivio di Stato. Dalla trascrizione e dallo studio di esse ho cercato di ricostruire le origini, che la storiografia ha sempre definito “poco chiare”, e di delineare lo sviluppo della comunità di religiose che aveva sede nell’isoletta di Santa Chiara, mettendo in luce al tempo stesso il radicamento di queste nella società veneziana, e l’apertura verso le città di terraferma, in particolare Treviso. Per ricostruire alcuni passaggi poco chiari della storia del monastero, soprattutto nei primi anni, mi sono poi servita delle notizie ricavabili dai catastici dell’ente, in particolare quello del 1564, redatto dal cappellano delle monache. Data la natura delle pergamene conservate, riguardanti in modo particolare proprietà entrate in possesso del monastero, ho ritenuto necessario fare una cernita, scegliendo di pubblicare solamente le trentasette che riguardavano direttamente le religiose di Santa Chiara, e limitandomi a segnalare il contenuto delle rimanenti. Inoltre, per quanto riguarda il XIV secolo, ho consultato e regestato i documenti contenuti nelle buste tre e quattro di pergamene del fondo Santa Chiara dell’Archivio di Stato di Venezia.

Mostra/Nascondi contenuto.
19 Premessa In questo lavoro ho cercato di ricostruire le origini ed i primi decenni di vita di quella che si può identificare con la prima comunità di Damianite a Venezia: Santa Maria Mater Iesu Christi, che poi prenderà il nome di Santa Chiara. Nel tracciare la storia di questo istituto religioso ho limitato cronologicamente la mia ricerca, partendo dalla data di fondazione (1237), fino ai primi decenni del XIV secolo. La dissertazione si basa su fonti documentarie, per la maggior parte inedite, conservate nell’Archivio di Stato di Venezia; estratti del documento di fondazione e di alcuni altri atti sono infatti stati già editi dallo Spada 1 , che si è occupato delle origini del monastero, e dal Corner 2 , nei suoi studi sulle chiese e monasteri di Venezia e Torcello. La documentazione base dalla quale sono partita è costituita da settantaquattro pergamene contenute nelle prime due buste del fondo di Santa Chiara di Venezia dell’Archivio di Stato. Dalla trascrizione e dallo studio di esse ho cercato di ricostruire le origini, che la storiografia ha sempre definito “poco chiare” 3 , e di delineare lo sviluppo della comunità di religiose che aveva sede nell’isoletta di Santa Chiara, mettendo in luce al 1 SPADA, Le origini del monastero di Santa Chiara di Venezia, 92-103. 2 CORNER, Ecclesiae Venetatae, Tom. VI, decas IX-X, pp.160-180. 3 Qui al cap.1.2.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Ileana Mattiazzi Contatta »

Composta da 197 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1298 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.