Skip to content

Cinema e computer. Il rapporto uomo-macchina tra rappresentazione cinematografica e realtà scientifica

Informazioni tesi

  Autore: Stefano Grassano
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Mario Ricciardi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 309

Lo scopo di questo scritto è cercare di evidenziare e analizzare il valore delle macchine e delle tecnologie nella nostra vita (attraverso uno studio scientifico sui progressi e sui limiti dell’intelligenza artificiale e della realtà virtuale) ed il conseguente aumento esponenziale della loro rappresentazione nei film (attraverso l’esame di alcuni testi filmici, ritenuti particolarmente significativi, che hanno influenzato le convinzioni, le paure e le aspettative di chiunque abbia guardato attentamente una “macchina”).
Si tenderà volutamente ad estremizzare la questione tra due tendenze opposte nei confronti della tecnologia (Capitolo 1) e a presentare un fatto ipotetico, come lo sviluppo futuro dell’intelligenza artificiale verso macchine sempre più intelligenti, come qualcosa che dovrà quasi necessariamente compiersi, peccando probabilmente di parzialità e di ingenuità, ma credendo sia l’unico modo per capire perchè questi argomenti suscitino, dal semplice uomo della strada alle più alte sfere della “intellighenzia” mondiale, così tanto clamore (Capitolo 2).
La prepotente rappresentazione della tecnologia sul grande schermo cambia anche i quesiti sulle vicende e sulle problematiche dell’uomo, perché, nell’epoca del dominio delle macchine, il soggetto pensante e agente non ha più davanti a sé un mondo manipolabile e semplice da gestire. Oltre ad un cinema che s’interroga sulla tecnica e su un futuro che è già un “adesso”, ce n’è anche uno che, parallelamente, continua ad interrogarsi su cosa siano gli uomini, su cosa siano diventati da quando le macchine hanno iniziato ad imitarli e a sfidarli.
Si tende, proprio per questo, a riscoprire la figura del cyborg, dell’ibrido tra noi e la macchina, non come un’ipotesi terrificante e utopistica, ma come una possibile realtà. Forse, il vero problema è che non possediamo ancora una parola intermedia tra “meccanico” e “umano” che non abbia una connotazione fantascientifica (come “cyborg”, “umanoide” o “replicante”), spesso negativa o vista come minacciosa per la sopravvivenza dell’uomo (Capitolo 3). Probabilmente a causa delle questioni morali ed etiche legate al tentativo dell’uomo di coronare a tutti i costi il sogno dei padri del Golem, dell’homunculus, di Frankenstein e dell’intelligenza artificiale: creare, partendo dalla materia inanimata o da un chip elettronico, un “oggetto” senziente ed intelligente con funzioni e capacità simili a quelle dell’uomo.
E’ cambiato solo il nome degli esseri mitologici inventati dal nulla. Oggi si chiamano organismi cibernetici, meglio noti con l’abbreviazione di “cyborg”, in pratica automi non fatti di materia “informe” come nelle leggende, ma con le più sofisticate tecnologie (Capitolo 4).
Si cercherà di capire, inoltre, perchè così tanti registi abbiano cercato di rappresentare il rapporto tra l’uomo e le sue creature con connotazioni così differenti, spaziando da una visione “manichea”, in cui l’uomo ricopre il ruolo della vittima mentre la macchina si trasforma in antagonista, o peggio in carnefice (Capitolo 5), ad una visione più rassicurante, in cui l’uomo riesce più o meno facilmente a controllare le sue creature in quanto viene considerato, anche dalle macchine stesse (come il comandante Data in “Star Trek” o il robot Numero Cinque in “Corto circuito”), un meccanismo praticamente perfetto e quindi irraggiungibile.
Nell’epoca del trionfo e dell’autonomia crescente dell’immaginario tecnologico, la distanza tra l’uomo e la macchina si avverte sempre di meno, dal punto di vista concettuale, fisico e, addirittura, mentale. Se, inizialmente, “Macchina” e “Uomo” erano due mondi totalmente distinti e la tecnologia era essenzialmente vista come minaccia o come sfida (ad esempio nel cinema degli Anni Cinquanta), ora la macchina, fattasi corpo, può addirittura arrivare a capirci (Capitolo 6).
Oggi l’uomo, superato il confronto con la “macchina infernale”, inizia a sfidare se stesso, cercando un’estensione dei propri sensi attraverso varie protesi che lo stanno trasformando sempre più in un cyborg, ma soprattutto grazie alle suggestioni della realtà virtuale (Capitolo 7), che fa tramontare l’idea del “corpo tradizionale” e fa aumentare, al tempo stesso, una sorta di disappunto per il fatto di non essere cartoni animati o icone di un videogame. L’esperienza viene trasferita in un supporto magnetico e l’uomo si trasforma, in un “corpo virtuale”, un nuovo soggetto inglobato e fagocitato dal mondo digitale (Capitolo 8).
Il confine tra il vivo e il metallico, tra l’organico e l’inorganico, tra l’elettronico e il mentale si fa sempre più incerto fino a combinarsi e a compenetrarsi in una dimensione inedita che mescola realtà e virtualità: la vita diventa, a poco a poco, indistinguibile dalla finzione, si dissolve in fantasmi e ombre, produce una serie di scenari autoreferenziali-

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 4 INTRODUZIONE La tecnologia ci accompagna ormai in quasi ogni fase dell’esistenza, dalla postazione di lavoro ai trasporti, dalla casa agli affetti; gli archivi di ogni genere si smaterializzano trasferendosi dalla carta alla rete, tanto che adesso si può accedere alla memoria mondiale come alla propria. Sembra, quasi, che tutto l’ambiente che ci circonda debba essere necessariamente trasformato in bit prima di essere visto, letto, osservato, consumato e vissuto. Gli uomini sono destinati, per la convergenza dei media nel computer, a passare sempre più tempo di fronte ai terminali (divertendosi, aggiornandosi, lavorando, scrivendo ed innamorandosi); tendiamo ad affidare alle nuove tecnologie elettroniche anche il ricordo delle nostre immagini, dei suoni, dei pensieri che una volta custodivamo gelosamente in bauli chiusi in soffitta o in preziosi album fotografici. "Questo dispiegamento tecnologico potrebbe anche significare che l'uomo, avendo definitivamente smesso di credere nell'immortalità assegnata (attraverso la religione), ha deciso di costruirsela da sé, con i potenti mezzi di cui efficacemente dispone: quelli dell'immortalità acquisita (attraverso la scienza)". 1 Lo scopo di questo scritto è cercare di evidenziare e analizzare il valore delle macchine e delle tecnologie nella nostra vita (attraverso uno studio scientifico sui progressi e sui limiti dell’intelligenza artificiale e della realtà virtuale) ed il conseguente aumento esponenziale della loro rappresentazione nei film (attraverso l’esame di alcuni testi filmici, ritenuti particolarmente significativi, che hanno influenzato le convinzioni, le paure e le aspettative di chiunque abbia guardato attentamente una “macchina”). Si tenderà volutamente ad estremizzare la questione tra due tendenze opposte nei confronti della tecnologia (Capitolo 1) e a presentare un fatto ipotetico, come lo sviluppo futuro dell’intelligenza artificiale verso macchine

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi