Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Delitti contro il pudore e l'ordine delle famiglie nelle codificazioni italiane

Il reato di violenza sessuale è attualmente compreso nell’ambito dei delitti sessuali previsti e disciplinati nel nostro Codice penale negli articoli dal 609 bis a 609 decies collocati nel titolo XII del secondo libro, dedicato ai delitti contro la persona. Come già si evince dalla nuova definizione il reato viene disciplinato in maniera diversa dal Codice Rocco, nel quale era collocato nel titolo IX dedicato ai reati contro la moralità pubblica e il buon costume. La trasposizione è avvenuta con la legge del 15 febbraio 1996 n. 66 che non si è limitata solo a inquadrare in un altro titolo i delitti sessuali, ma ha modificato profondamente il tipo di illecito e la relativa disciplina. Questa legge ha disegnato il nuovo volto delle norme contro la violenza sessuale e ha inciso profondamente su un Codice Penale sempre più irriconoscibile ed indecifrabile .
I delitti sessuali sono stati riformulati secondo varie innovazioni di cui la più importante è senza dubbio l’unificazione dei reati di “violenza carnale” e di “atti di libidine violenti” sotto la più generica fattispecie di reato di “violenza sessuale”.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE Il reato di violenza sessuale è attualmente compreso nell’ambito dei delitti sessuali previsti e disciplinati nel nostro Codice penale negli articoli dal 609 bis a 609 decies collocati nel titolo XII del secondo libro, dedicato ai delitti contro la persona. Come già si evince dalla nuova definizione il reato viene disciplinato in maniera diversa dal Codice Rocco, nel quale era collocato nel titolo IX dedicato ai reati contro la moralità pubblica e il buon costume. La trasposizione è avvenuta con la legge del 15 febbraio 1996 n. 66 che non si è limitata solo a inquadrare in un altro titolo i delitti sessuali, ma ha modificato profondamente il tipo di illecito e la relativa disciplina. Questa legge ha disegnato il nuovo volto delle norme contro la violenza sessuale e ha inciso profondamente su un Codice Penale sempre più irriconoscibile ed indecifrabile 1 . I delitti sessuali sono stati riformulati secondo varie innovazioni di cui la più importante è senza dubbio l’unificazione dei reati di “violenza carnale” e di “atti di libidine violenti” sotto la più generica fattispecie di reato di 1 Cfr. B. ROMANO, Il rinnovato volto delle norme contro la violenza sessuale:una timida riforma dopo una lunga attesa, in Diritto di famiglia e delle persone, Giuffrè, Milano, 1996, p. 1610.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Serena Iannello Contatta »

Composta da 136 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 489 click dal 02/12/2011.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.