Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sintesi e caratterizzazione di copolimeri a blocchi PCL-PEO a diversa architettura come nanovettori per il rilascio mirato di farmaci

Una delle principali linee di ricerca nel settore tecnologico farmaceutico focalizza l'attenzione sullo sviluppo di formulazioni idonee a liberare quantità desiderate di farmaco nell'organismo in un sito specifico e con velocità controllata.

Mostra/Nascondi contenuto.
Stato dell‟arte 2 1. STATO DELL’ARTE 1.1 Biomateriali e loro applicazioni Il continuo sviluppo di nuovi biomateriali e la modificazione chimica e fisica di biomateriali già studiati ed utilizzati hanno portato all‟ottenimento di risultati di notevole interesse in molte discipline mediche, spaziando dall‟ottica (lenti a contatto e cristallini) all‟odontoiatria (protesi dentali) ed all‟ortopedia (sostituti ossei, viti, placche), dalla farmacologia (formulazioni per il rilascio controllato di farmaci) alla ricostruzione guidata di tessuti danneggiati. 1,2) Con il termine “biomateriali” si fa riferimento ad una classe di materiali ad uso biomedico impiegati come sostituti biologici atti a ripristinare le funzioni di tessuti ed organi danneggiati o malati, o più in generale di materiali che possono interfacciarsi con un sistema biologico, quali metalli, materiali ceramici, polimeri. 3) Questi ultimi in particolare hanno avuto un notevole sviluppo negli ultimi 30 anni. I biomateriali di natura polimerica largamente utilizzati possono essere di origine naturale (polisaccaridi e proteine) o di tipo sintetico (poliesteri, poliuretani, polianidridi). I principali requisiti richiesti per il loro utilizzo in campo farmaceutico e per la ricostruzione di tessuti danneggiati sono: la biocompatibilità, la biofunzionalità e, se richiesta, la biodegradabilità con formazione di prodotti di degradazione atossici e con velocità di degradazione controllata e adeguata alla funzione che il biomateriale deve svolgere. 4)

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Chimica Industriale

Autore: Fabio Nicodemi Contatta »

Composta da 82 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 453 click dal 07/12/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.