Skip to content

Irene Brin: Giornalista e scrittrice italiana (1914 – 1969).

Informazioni tesi

  Autore: Silvia Marotta
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Educazione ed Orientamento degli Adulti e Sviluppo dei Sistemi Formativi
  Relatore: Elena Riva
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 151

La finalità di questo lavoro è stata quello di approfondire da vicino la figura di Irene Brin. Questa donna fu una scrittrice, viaggiatrice, mercante d’arte, signora di grandissima cultura e stile, ma soprattutto la prima giornalista di costume in Italia.
Attraverso i suoi scritti è possibile individuare l’evoluzione della società italiana tra le due guerre mondiali, in quanto lei è veramente una testimone del tempo.
A causa del complesso momento che attraversò l’Italia durante il conflitto è stato veramente complicato recuperare delle fonti che abbiano potuto riguardarla per ricostruire la sua vita in quanto una parte di materiale potrebbero essere stato perso e quello che è stato ritrovato è lacunoso.
Spesso l’attribuzione degli articoli alla Brin è stata fatta attraverso il confronto con lo stile e le argomentazioni da lei usate nelle sue opere firmate; in questo modo si è riuscito a delineare il tipo di persona che fu, l’ambiente che frequentò e i rapporti che intrattenne.
Irene Brin rappresenta uno spaccato interessante dell’evoluzione femminile, una donna molto diversa dal modello fascista; una donna che ha partecipato alla Resistenza e con la fine della guerra e la caduta del fascismo ha acquisito una maggiore consapevolezza della propria autonomia e del proprio valore.
Irene Brin aggiunge a questi caratteri di ‘modernità’ un suo apporto personale attraverso la moda. Come intellettuale comprende l’importanza della moda e del giornalismo di costume come strumento utile per l’emancipazione femminile e come mezzo per unificare l’Italia dopo la guerra, nel senso che il paese può trovarsi unito nell’elaborazione di un gusto comune.
Grazie allo straordinario mondo che frequenta (intellettuale e artistico sia italiano che americano) è una donna di mentalità aperta sebbene non rinunci mai a uno snobbismo sociale e culturale di fondo, tipico dell’alta borghesia di una grande città come Roma. A volte, infatti, il suo modo di approcciarsi alla gente comune può apparire abbastanza stucchevole e superficiale.
Fondamentale è inoltre il suo rapporto con l’America ed è proprio dal suo forte legame con quella nazione che introduce molte novità nel campo della moda e della cultura intorno al mondo della moda, anche se detestata il consumismo perché elimina la creatività.
Si chiamava Maria Vittoria Rossi ma nessuno ha saputo portare bene come lei lo pseudonimo Irene Brin. Fra i suoi tanti pseudonimi (Marlene, Mariù, Oriane, Geraldine Tron, Maria del Corso, Contessa Clara, Madame d’O), questo - trovatole da Leo Longanesi quando l’invitò a scrivere per Omnibus nel 1937 - divenne tutt’uno con lei perché più di tutti rispecchia la persona e il particolare tipo di giornalismo che lei incarnò: colto, brillante, leggero, talvolta caustico, mai superficiale, mai nemmeno sfiorato da un’ombra di volgarità.
Quando - in uno dei tanti consigli di saper vivere e di buona educazione che elargiva dalle colonne di Omnibus e poi da quelle della Settimana Incom di Luigi Barzini jr - si accorgeva di avere citato troppe celebrità, subito abbassava elegantemente il tono: “Perché non mi si accusi di citare solo i Grandi della Terra, aggiungerò che, durante una sosta nell’albergo principale di V., cittadina piemontese, seguii lo svolgersi di una festa danzante...”. Eppure era forse una delle donne più cosmopolite di quell’epoca euforica e contraddittoria che fu il secondo dopoguerra, perfettamente introdotta nella superstite grande nobiltà europea come nell’alta società americana e negli ambienti artistici e intellettuali, romani e non romani.
Solo a una come Irene Brin poteva capitare di passeggiare un pomeriggio del 1950 a New York per Park Avenue indossando un tailleur di Fabiani e di sentirsi interpellare da una scheletrica, ma elegantissima dama: «Ma dove l’ha preso quel tailleur? Di chi è?». Veramente indiscreta la signora, almeno secondo i canoni ferrei di riservatezza seguiti da Irene Brin e da lei suggeriti alle sue lettrici e ai suoi lettori, ma era pur sempre un’americana e andava scusata, anche perché rivelò chiamarsi Diana Vreeland, mitica e tremenda direttrice di Harper’s Bazaar, la più sofisticata delle riviste newyorchesi. Un ambiente elitario, questo, che mescolava moda e avanguardia culturale, dettando legge nel costume, nel comportamento, nelle scelte. La nuova collaboratrice Irene Brin non era da meno: a quell’epoca aveva già viaggiato il mondo in lungo e in largo e parlava cinque lingue.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE La finalità di questo lavoro è stata quello di approfondire da vicino la figura di Irene Brin. Questa donna fu una scrittrice, viaggiatrice, mercante d‟arte, signora di grandissima cultura e stile, ma soprattutto la prima giornalista di costume in Italia. Attraverso i suoi scritti è possibile individuare l‟evoluzione della società italiana tra le due guerre mondiali, in quanto lei è veramente una testimone del tempo. A causa del complesso momento che attraversò l‟Italia durante il conflitto è stato veramente complicato recuperare delle fonti che abbiano potuto riguardarla per ricostruire la sua vita in quanto una parte di materiale potrebbero essere stato perso e quello che è stato ritrovato è lacunoso. Esiste una fondazione, a suo nome, dotata di un sito internet, ma per ora non è possibile visionare i suoi scritti, in particolare la corrispondenza, per cui ci si è concentrati sugli articoli dei giornali e delle riviste con cui lei ha collaborato e su alcune opere, in particolare quelle che riguardano i mutamenti del costume. Spesso l‟attribuzione degli articoli alla Brin è stata fatta attraverso il confronto con lo stile e le argomentazioni da lei usate nelle sue opere firmate; in questo modo si è riuscito a delineare il tipo di persona che fu, l‟ambiente che frequentò e i rapporti che intrattenne. Tra le fonti utilizzate vi sono anche i diari personali di coloro che l‟hanno conosciuta. Si è volutamente tralasciato il suo contributo nel campo dell‟arte perché ciò avrebbe condotto verso altre piste di ricerca che richiederebbero competenze più specialistiche.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

giornalista
irene brin
moda
giornalista di costume

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi