Skip to content

La donazione delle cellule staminali da sangue cordonale: focus sul ruolo e la formazione dell'ostetrica/o

Informazioni tesi

  Autore: Ilaria Pace
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Ostetricia
  Relatore: Francesca Gaudino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 119

Con la mia tesi di laurea ho analizzato i ruoli dell'ostetrica all'interno del processo di donazione delle cellule staminali del cordone ombelicale. In seguito ho volto uno studio statistico analitico avvalendomi di un questionario somministrato ad ostetriche impiegate in otto strutture ospedaliere del Nord Italia, alle studentesse del terzo anno di studi in cinque sedi universitarie e alle ostetriche impiegate in due ospedali finlandesi. Ho analizzato la percezione delle loro competenze e la diffusione dell'informazione nel comparto ostetrico e tra le donne gravide. Infine ho delineato il profilo professionale dell'ostetrica in materia di donazione, obiettivo di un progetto nazionale proposto che verrà reso operativo a breve. Per concludere ho realizzato un filmato didattico delle procedure da svolgere in sala parto per la formazione e la qualificazione delle ostetriche.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
  I PARTE – LA DONAZIONE DELLE CELLULE STAMINALI 4   INTRODUZIONE Il progetto della mia tesi di laurea si sviluppa come risultato delle esperienze vissute durante i tirocini e del mio personale interesse riguardo alla donazione delle cellule staminali. Negli anni di studio ho frequentato lezioni, convegni ed incontri dei corsi di accompagnamento alla nascita, oltre ad aver assistito alle pratiche ospedaliere nei reparti di ostetricia e in sala parto, sia in ospedali italiani sia all’estero, grazie al progetto Erasmus che mi ha portata in Finlandia. Nel marzo del 2010 ho avuto l’opportunità di partecipare ad un workshop di neonatologia, svoltosi al Palazzo della Gran Guardia a Verona. È stato in quell’occasione che ho ascoltato la relazione della dottoressa Aurora Vassanelli: La donazione del cordone ombelicale: luci ed ombre. Dall’intervento e dai commenti che ho udito in platea, ho potuto comprendere come circolassero molte informazioni scorrette sulla raccolta autologa e la donazione allogenica di cellule staminali da sangue cordonale. Un’altra questione che mi ha colpita è la speculazione delle banche private sulla conservazione delle cellule staminali emopoietiche presenti nel sangue del funicolo. Esse fanno leva sulla possibilità futura di ricavare dalle cellule cordonali un elisir in grado di curare neoplasie e malattie degenerative che potrebbero colpire gli stessi individui da cui sono state prelevate le unità conservate. Poco tempo dopo, sfogliando una rivista divulgativa di portata nazionale, ho notato un articolo che si faceva promotore delle banche per la conservazione autologa, sostenendo la loro posizione e chiedendo che fossero legalizzate dal governo italiano. A quel punto, la confusione è sorta nella mia mente, accentuata da alcune ricerche svolte per capire a quali informazioni fossero esposte le donne interessate. Tutto ciò mi ha fatto comprendere come sia facile per loro aderire ai progetti di raccolta autologa. Il mio pensiero è stato avvalorato dalla pratica, poiché, nella mia esperienza, nonostante i manifesti e gli opuscoli presenti negli ospedali, ho trovato molte gravide interessate più alla raccolta che alla donazione allogenica. La mia impressione si è poi rivelata coerente con i risultati statistici: stando ai dati del Sanit 2011, infatti, ad oggi, circa 60.000 unità di sangue cordonale hanno lasciato l’Italia, a bordo di un corriere, per raggiungere le banche private presenti in altri Paesi europei,    

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

formazione
informazione
motivazione
solidarietà
cellule
staminali
donazione
ostetrica
sangue cordonale
ruolo dell'ostetrica
bancaggio
banca delle cellule

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi