Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La fortuna critica italiana de I soliti ignoti (1958) di Mario Monicelli

Analisi della fortuna critica italiana che ha accompagnato il film di Mario Monicelli, I soliti ignoti: dalla sua uscita nelle sale nell'autunno del 1958 ai giorni nostri. Cronistoria dell'accoglienza che la critica ha riservato a uno dei capolavori del cinema italiano, riconosciuto universalmente come la prima vera commedia all'italiana.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE La locuzione “commedia all’italiana”, che definisce un genere di cinema comico di matrice neorealista, diventò corrente solo negli anni Settanta, quando il filone esisteva da diversi anni e si andava ormai esaurendo. La commedia all’italiana si discosta nettamente dalla commedia leggera e disimpegnata e dal cosiddetto filone del neorealismo rosa in voga per quasi tutti gli anni Cinquanta, poiché, partendo dalla lezione del neorealismo, si basa su una scrittura aderente alla realtà; pertanto, accanto alle situazioni comiche e agli intrecci tipici della commedia tradizionale, affianca sempre, con ironia, una pungente e talvolta amara satira di costume, che riflette l’evoluzione della società italiana di quegli anni. Si verifica quello che Gian Piero Brunetta definisce il passaggio verso una commedia maggiorenne 1 , in cui la narrazione e i personaggi si fanno più complessi e problematici a seguito di una riforma sostanziale dei contenuti e delle modalità di narrazione che porta la commedia dai canovacci dei primi anni cinquanta alla scrittura più elaborata di testi per gli autori alla realizzazione di opere […] il cui successo sembra anche da attribuirsi al merito di operare una vera e propria riforma di tipo goldoniano all’interno delle forme del comico e della commedia di quel periodo, e alla perfetta metabolizzazione e adattamento ai costumi degli italiani in via di rapido mutamento. 2 Come i comici dell’arte passano da una recitazione libera e improvvisata con il solo ausilio di un canovaccio di partenza alla aderenza 1 Cfr. Brunetta, 2003: 202. 2 Brunetta, 2003: 202.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Marco Vincenzo Valerio Contatta »

Composta da 246 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1475 click dal 14/12/2011.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.