Skip to content

Un nuovo approccio di ''private equity'' per le PMI italiane: il Fondo Italiano d'Investimento

Informazioni tesi

  Autore: Davide Scortegagna
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Ugo Lassini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 106

Nelle ultime tre decadi del secolo scorso la nostra economia è stata sempre più caratterizzata dalla presenza delle PMI, che hanno rappresentato un motore determinante nella crescita del paese.Flessibilità, efficienza, spirito imprenditoriale, price competition, utilizzo massimale della forza lavoro, il tutto spesso ben coordinato nell’ambito dei distretti, sono stati i punti di forza del sistema. Negli ultimi anni, tuttavia, il modello ha iniziato a mostrare segni di cedimento. L’individualismo, la scarsa patrimonializzazione, la struttura dell’indebitamento, in sintesi il “nanismo” delle PMI italiane – nel cui ambito sono sempre nettamente prevalenti le c.d. “microimprese” – le rende incapaci di investire adeguatamente in ricerca, innovazione, marketing e di essere ancora vincenti nei mercati internazionali, con inevitabili ripercussioni negative sull’andamento del sistema Italia rispetto ai competitors.
La soluzione va ricercata forse in un rilancio dei distretti industriali o in strumenti affini, quali le “reti” o i consorzi, ma soprattutto nell’incentivazione alla crescita delle imprese, per vie interne o esterne. Molti sono gli strumenti a disposizione (finanza straordinaria, sgravi fiscali, mercato dei capitali). Essi, tuttavia, sono stati fin qui utilizzati in misura inadeguata: è invece indispensabile, al di là degli eventuali incentivi fiscali, un convinto intervento di tutte le parti in gioco per accelerare i processi di integrazione e aggregazione, senza i quali siamo destinati ad un inevitabile declino. In quest’ambito senza dubbio merita considerazione il recente progetto del Fondo Italiano d’Investimento. Si tratta di un’iniziativa finalizzata a dare nuovo impulso al mercato del “private equity”, mediante l’intervento dello Stato e con un approccio un po’ diverso rispetto all’impostazione classica di questo strumento. Il progetto è appena partito e la sua validità potrà essere verificata soltanto nel medio-lungo periodo: riteniamo comunque che, a prescindere dai risultati concreti, esso possa efficacemente contribuire ad un importante cambio di mentalità nel mondo delle PMI italiane.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 Capitolo I Cenni sull’evoluzione del sistema industriale italiano 1. Dalla ricostruzione al boom economico (1945 – 1970) L’economia italiana esce letteralmente prostrata dalla seconda guerra mondiale. I bombardamenti hanno distrutto strutture produttive in misura complessivamente contenuta (circa il 6%) e in modo radicale solo in alcune aree (ad es. i centri siderurgici di Cornigliano e Bagnoli). Il fabbisogno bellico ha in qualche modo sostenuto l’attività, specialmente nella meccanica pesante, ma il sistema paese è ancora quello di inizio secolo, arretrato, prevalentemente agricolo e reduce dagli effetti di un ventennio di isolamento e di autarchia. Nondimeno, grazie anche al “piano Marshall” e in modo abbastanza spontaneo, dal momento che lo Stato limita gli interventi di politica economica, si innesca rapidamente un trend di crescita impetuosa, che accompagnerà il paese fino ai primi anni ‘60 senza avere riscontri negli altri stati europei. Senza dubbio il punto di partenza è la struttura industriale preesistente, concentrata nel triangolo Torino – Milano – Genova, ma già con interessanti propaggini nel nordest (industria laniera e cartaria) e in Emilia (macchine agricole). I settori che trainano la ripresa sono tipicamente l’edilizia, la siderurgia e l’auto. Successivamente si afferma l’industria meccanica leggera, con gli elettrodomestici ma anche con le macchine per scrivere e i computer, la chimica e, a seguire, i beni di consumo in genere, l’alimentare, l’abbigliamento etc.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

pmi
private equity
fondo italiano d'investimento

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi