Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il contratto di franchising e la normativa sugli accordi verticali

L’importanza del fenomeno del franchising nell’attuale scenario economico è duplice: esso costituisce un fenomeno di successo che vede crescere di anno in anno, rispetto le tradizionali forme di distribuzione al dettaglio, numero d’imprese operanti, dipendenti e fatturato.

In aggiunta a questo esso è ciò che si è soliti definire un’innovazione organizzativa: non è un metodo di distribuzione o una tecnologia che permette di “produrre di più utilizzando di meno” o di migliorare l’efficienza materiale del processo produttivo, ma è un’innovazione che viene applicata ad una attività economica e permette di portare a decisioni più efficienti, facendo leva su aspetti che esulano dalla semplicistica visione dell’azienda come una funzione di produzione il cui scopo è trasformare input in output.
Un contratto di franchising consiste, tra le tante cose, in una trasmissione di conoscenze tecniche, operative e commerciali, da un’impresa con una solida esperienza nel proprio settore e desiderosa di espandersi ulteriormente, l’affiliante, e una piccola impresa che accetta di rinunciare a parte della propria autonomia decisionale per uniformarsi ad un modello di business che altri hanno reso vincente sotto un marchio e un’insegna conosciuti e pubblicizzati.

E’ un contratto in cui si svolge più di una semplice transazione economica o di uno scambio di beni dietro il corrispettivo di un prezzo. Fiducia e collaborazione contano molto più che in altre fattispecie simili rientranti nell’alveo dei contratti di distribuzione, mentre è fondamentale che l’immagine della rete e la segretezza delle conoscenze trovino un’adeguata tutela.

Le problematiche inerenti i diritti di natura immateriale, la fiducia e la collaborazione nelle organizzazioni a rete e la crescente importanza riconosciuta dalla dottrina economica alle innovazioni organizzative e ai problemi della contrattazione fanno del franchising (o affiliazione commerciale) il banco di prova ideale per toccare con mano alcune delle grandi questioni che gli economisti e i giuristi esperti in diritto commerciale si trovano ad affrontare in un sistema economico altamente dinamico, globalizzato e interconnesso qual è quello in cui oggi ci muoviamo.
Questo lavoro si concentrerà sugli aspetti giuridici e di regolamentazione del franchising, attraverso l’analisi della normativa che investe il fenomeno a livello nazionale e comunitario. Le problematiche inerenti alla stretta dipendenza economica che s’instaura tra i contraenti, la necessaria tutela dei numerosi diritti immateriali oggetto del contratto, la ragionevolezza economica dei corrispettivi richiesti con riferimento alle prestazioni fornite, i pregi e i difetti delle restrizioni verticali pattuite a livello di sistema economico verranno però valutate in un’ottica di reciproca compatibilità: evidenzieremo nel corso del nostro lavoro sia i casi in cui la prassi contrattuale si è discostata significativamente dalle indicazioni del legislatore sia gli aspetti delle norme trattate che potevano essere formulate con maggiore chiarezza e dimostrando maggiore sensibilità alle esigenze del settore.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE L’importanza del fenomeno del franchising nell’attuale scenario economico è duplice: esso costituisce un fenomeno di successo che vede crescere di anno in anno, rispetto le tradizionali forme di distribuzione al dettaglio, numero d’imprese operanti, dipendenti e fatturato. In aggiunta a questo esso è ciò che si è soliti definire un’innovazione organizzativa: non è un metodo di distribuzione o una tecnologia che permette di “produrre di più utilizzando di meno” o di migliorare l’efficienza materiale del processo produttivo, ma è un’innovazione che viene applicata ad una attività economica e permette di portare a decisioni più efficienti, facendo leva su aspetti che esulano dalla semplicistica visione dell’azienda come una funzione di produzione il cui scopo è trasformare input in output. Un contratto di franchising consiste, tra le tante cose, in una trasmissione di conoscenze tecniche, operative e commerciali, da un’impresa con una solida esperienza nel proprio settore e desiderosa di espandersi ulteriormente, l’affiliante, e una piccola impresa che accetta di rinunciare a parte della propria autonomia decisionale per uniformarsi ad un modello di business che altri hanno reso vincente sotto un marchio e un’insegna conosciuti e pubblicizzati. E’ un contratto in cui si svolge più di una semplice transazione economica o di uno scambio di beni dietro il corrispettivo di un prezzo. Fiducia e collaborazione contano molto più che in altre fattispecie simili rientranti nell’alveo dei contratti di distribuzione, mentre è fondamentale che l’immagine della rete e la segretezza delle conoscenze trovino un’adeguata tutela. Le problematiche inerenti i diritti di natura immateriale, la fiducia e la collaborazione nelle organizzazioni a rete e la crescente importanza riconosciuta dalla dottrina economica alle innovazioni organizzative e ai problemi della contrattazione fanno del franchising (o affiliazione commerciale) il banco di prova ideale per toccare con mano alcune delle grandi questioni che gli economisti e i giuristi esperti in diritto commerciale si trovano ad affrontare in un sistema economico altamente dinamico, globalizzato e interconnesso qual è quello in cui oggi ci muoviamo.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Walter Paiano Contatta »

Composta da 65 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2038 click dal 27/12/2011.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.