Skip to content

Katyn (1940-2010): una strage che sembra non aver fine?

Informazioni tesi

  Autore: Britan Kodheli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Francesco Privitera
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 63

Dalla strage di Katyn commessa dai sovietici nel 1940, alla tragedia aerea di Smolensk, che ha annullato il quadro istituzionale polacco nel 2010.
Analisi storica, cronaca e tesi di complotto.

Il mio lavoro verterà sull’analisi dei fatti storici del 1940, messi in correlazione con i recenti avvenimenti in terra russa, più precisamente a Smolensk, dove il 10 Aprile 2010 il Tupolev presidenziale polacco si è schiantato a poche centinaia di metri dall’aeroporto, portando via le vite del Presidente polacco Lech Kaczynski e di una buona parte dell’apparato dirigenziale politico-militare della Polonia, proprio mentre il gruppo si recava alle celebrazioni del settantesimo anniversario del massacro di Katyn.
Verranno quindi messe in luce anomalie e incongruenze nei rapporti emanati e i precedenti rapporti bilaterali tra Polonia e Russia, non di certo idilliaci, tanto che alcune tesi tendono a evidenziare ipotesi di complotto, mentre altre si mantengono più sobrie, limitandosi ad analizzare oggettivamente le relazioni intergovernative tra i due paesi, ormai formalmente democratici.
Partirò quindi con alcuni paragrafi introduttivi alla storia immediatamente precedente al massacro di Katyn, di modo che risulti più facile la comprensione, se mai possibile, del comportamento sovietico.
La fucilazione di 15.000 prigionieri di guerra polacchi nell’Aprile/Maggio del 1940 da parte di reparti speciali del Nkvd avviene proprio nel periodo in cui vi era stata una quanto mai strana e innaturale alleanza tra le forze del Nazionalsocialismo tedesco e il regime sovietico, alleanza che aveva portato alla firma del famigerato patto Ribbentrop-Molotov il 23 Agosto 1939, che avrebbe dovuto sanzionare la spartizione della Polonia stessa da parte dei due regimi e che sarebbe servito da detonatore all’inizio della II Guerra Mondiale, avvenuto il 1 Settembre dello stesso anno, a pochi giorni dalla firma.
All’inizio delle ostilità da parte di Hitler, che invade direttamente la Polonia, corrisponde un’iniziale posizione di incertezza da parte del movimento comunista internazionale, posizione che viene chiarita a Dimitrov (capo del Komintern) direttamente da Stalin, che dà una visione quanto mai caratteristica degli avvenimenti in atto: la guerra si stava svolgendo tra due blocchi di paesi capitalisti, quelli poveri di colonie che lottavano per una nuova ripartizione del mondo contro il gruppo dei paesi più ricchi. Secondo Stalin il governo sovietico poteva riuscire a «manovrare una parte contro l’altra…possiamo muoverci perché si azzuffino tra loro e si indeboliscano a vicenda. Non sarebbe male se per mano della Germania venisse minata la posizione dei paesi capitalisti più ricchi. Senza rendersene conto né desiderarlo, lo stesso Hitler insidia e compromette il sistema capitalista» (Zaslavsky 2006, 15).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Il massacro di Katyn è sicuramente un fatto storico di grande rilevanza, di quelli che scottano, di quelli che hanno segnato la coscienza e non solo della popolazione che ne è stata colpita, ma che, sotto il punto di vista della crudele logica della prima metà del 1900 e dei regimi autocratici che l’hanno contraddistinta, non fa altro che aggiungersi all’innumerevole schiera di genocidi pianificati scientificamente. Ciò avviene dal punto di vista quantitativo e numerico del massacro, ma non di certo da quello qualitativo, essendo stata azzerata totalmente la gerarchia militare (e non solo) di un intero paese, di quella Polonia che secondo il Ministro degli Esteri sovietico Molotov, non era altro che <<...un bastardo nato dal Trattato di Versailles…>> 1 . L’evento perde quindi la sua eccezionalità, visto sullo sfondo della storia sovietica, assumendo il carattere di comune atrocità commessa durante il regime staliniano. Visto invece nel quadro delle relazioni internazionali, Katyn rimane uno degli eventi più significativi della II Guerra Mondiale. Il mio lavoro verterà sull’analisi dei fatti storici del 1940, messi in correlazione con i recenti avvenimenti in terra russa, più precisamente a 1 I trattati di Versailles erano stati il processo decisionale che aveva portato i vincitori della Grande Guerra a decidere le sorti territoriali e politici dei paesi vinti, avevano portato alla penalizzazione soprattutto della Germania, a favore di Francia e Polonia, attraverso concessioni territoriali importanti e pagamento di forti riparazioni di guerra.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

polonia
urss
stalin
propaganda
ss
complotto
katyn
stragi sovietiche
smolensk
storia polonia
kaczynski
campi di lavoro
fucilazione di massa
tragedia aerea

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi