Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Technology Transition: Il Caso dei Taxi Elettrici a Milano

Nel corso degli ultimi anni molte aziende e privati si stanno muovendo in una rinnovata direzione: la sostenibilità. Il presente elaborato parte da una analisi della letteratura accademica ad oggetto la transizione tecnologica, focalizzando l’ attenzione sugli approcci che maggiormente hanno affrontato problematiche attuali di sostenibilità. L’ analisi attraversa tre differenti proposte: dapprima il Transition Management, successivamente il Multi-level Perspective, una analisi attraverso differenti livelli tecnologici, e infine, il Technology Innovation System.
Il lavoro vuole fornire un contributo alla riduzione delle emissioni di CO2 nel comune di Milano nel settore trasporti.
L’ elaborato, nella sua parte centrale, esamina il possibile impatto ambientale derivante dall’ introduzione dei veicoli elettrici all’ interno del parco taxi milanese. Talune conseguenze di tipo gestionale sono poi affrontate grazie all’ utilizzo dell’ approccio Strategic Niche Management.
La possibile riduzione di emissioni di CO2 è successivamente confrontata con obiettivi di sostenibilità ambientale comunali e regionali. L’ elaborato prosegue con la raccolta, attraverso interviste sul campo, di informazioni potenzialmente influenzanti il passaggio a vetture elettriche. I dati sono, infine, unificati grazie all’ utilizzo della Swot Analysis, che permette di raccogliere le informazioni di maggiore importanza attraverso una visione ampia e non complicata della possibile transizione.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 1. INTRODUZIONE Climate change e air pollution sono due reali problematiche da dover inevitabilmente affrontare da qui a poco tempo. Secondo alcune recenti stime, i paesi industrializzati, che rappresentano circa il 20% del totale, sono da considerare responsabili di circa l’ 80% dell’ inquinamento atmosferico, causa dei principali problemi ambientali come l’innalzamento delle temperature. Tali fenomeni sono portatori di elevate esternalità negative verso l’intero pianeta e per tale ragione gli effetti futuri non avranno confini, ma saranno percepiti dalla totalità dei Paesi. Una delle questioni più dibattute risulta sicuramente l’incapacità di una reale stima delle conseguenze che questi fenomeni possono avere sul nostro pianeta (Perrini, Pogutz e Tencati, 2008) e per tale ragione risulta fondamentale prendere posizione contro uno sfruttamento incondizionato delle risorse scarse. Possedere la consapevolezza degli eventuali effetti negativi del continuo sfruttamento delle risorse, rappresenta solo il primo passo in un percorso di cambiamento lungo e impegnativo. Sarà possibile ottenere benefici nel medio lungo periodo solo attraverso la pianificazione e la gestione dell’ innovazione, uno dei principali fattori di sviluppo delle economie moderne. Il presente elaborato, nella sua parte iniziale, affronta pertanto il cambiamento tecnologico alla luce delle proposte accademiche che maggiormente affrontano il tema della sostenibilità nel cambiamento tecnologico. Uno dei principali fattori di inquinamento, soprattutto all’ interno del contesto cittadino, è rappresentato dall’ anidride carbonica. Tale elemento chimico non è per definizione un elemento dannoso per l’ ambiente, esso prende parte nei normali cicli biologici del nostro pianeta, ciò che lo rende un elemento nocivo sono invece le elevate quantità di CO 2 prodotte dall’ uomo, nella quasi totalità dei settori industriali e soprattutto nel settore della mobilità. Per tale ragione il presente elaborato si concentra sul settore automobilistico e, nel caso specifico, il focus è rappresentato dalla possibile nicchia strategica dei taxi.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Salvatore Saracino Contatta »

Composta da 36 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 358 click dal 13/12/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.