Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I consigli pastorali parrocchiali

Tra le realtà ecclesiali chiamate istituzioni, alcune sono complesse: per la normativa che le regge, per i problemi che affrontano, per le competenze che esigono da parte degli addetti. Pensiamo ad un tribunale o ad una curia, per esempio.
Altre sono più semplici, essenziali; il che non significa meno determinanti per la vita della Chiesa.
Il Consiglio pastorale parrocchiale appartiene a questo secondo gruppo.
Il discorso vale anche per la parrocchia, di cui il Consiglio pastorale è immagine ed espressione.
La parrocchia, quella vera, “ben diversa da quella dei libri e dei predicatori” è fatta da gente semplice.
I professionisti, i dotti, pur facendo parte della statistica parrocchiale normalmente non hanno tempo per un coinvolgimento diretto nella pastorale spicciola.
Anche tra i preti: in genere non teologi, non canonisti o pastorali di grido fanno vita di parrocchia, e tanto meno partecipano a un Consiglio pastorale.
Viene in mente san Paolo che scrive ai Corinzi “non ci sono tra voi molti sapienti o molti potenti o molti personaggi importanti”.
Inoltre la parrocchia ha una vita quotidiana da condurre, un “lavoro di base” (Messe, sacramenti, catechesi, assistenza spirituale…).
Per parlare del Consiglio pastorale parrocchiale, anche da una prospettiva giuridica, occorre tener presente tutto questo, perché diversamente si rischia di tracciare a tavolino le linee di un organismo più simile ad un ente burocratico che non è necessario a valorizzare al meglio la partecipazione disponibile e generosa dei laici; di conseguenza il prete di parrocchia avrà, e vedrà, nel Consiglio pastorale, più che un aiuto, un’ulteriore complicazione con conseguenze facilmente prevedibili.
Una simile impostazione sembra avvalorata anche dalla scelta del Codice canonico del 1983 che nel solo canone 536 esaurisce il dettato sul Consiglio pastorale parrocchiale, demandando ulteriori precisazioni al Vescovo diocesano.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 1. Premessa Tra le realtà ecclesiali chiamate istituzioni, alcune sono complesse: per la normativa che le regge, per i problemi che affrontano, per le competenze che esigono da parte degli addetti. Pensiamo ad un tribunale o ad una curia, per esempio. Altre sono più semplici, essenziali; il che non significa meno determinanti per la vita della Chiesa. Il Consiglio pastorale parrocchiale appartiene a questo secondo gruppo. Il discorso vale anche per la parrocchia, di cui il Consiglio pastorale è immagine ed espressione . La parrocchia, quella vera, “ ben diversa da quella dei libri e dei predicatori ” 1 è fatta da gente semplice. 1 P. Mazzolari , Lettera sulla Parrocchia , in Scritti sulla parrocchia , a cura di G. Campanili, Cuneo 1999.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giuseppe Linguaglossa Contatta »

Composta da 104 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2506 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.