Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Strategia e Business Plan per l'impresa internazionale

Il presente lavoro affronta l'utilizzo del Business Plan come strumento per aumentare le possibilità di successo di un nascente progetto imprenditoriale.
Nella prima parte sono spiegate dettagliatamente le funzioni e la composizione del Business Plan, unitamente alle sue modalità di preparazione e presentazione. Vengono spiegati pregi e difetti di questo strumento di valutazione delle idee di investimento, le risorse ed i costi necessari per realizzarlo nel migliore dei modi.
La seconda parte riprende l'impostazione della prima, presentando però un caso pratico (di finzione), con la formulazione di un articolato Business Plan redatto da una società di consulenza, per conto di una multinazionale che decide di intraprendere un enorme progetto all'interno del campo delle energie rinnovabili. Il documento proposto include l'analisi economico-finanziaria, il piano di marketing, l'analisi tecnica dei prodotti, i programmi relativi alla funzione RIcerca & Sviluppo, le analisi di mercato e molto altro.
La terza e ultima parte è dedicata alle strategie con le quali le imprese operano nel contesto globale e in particolare alle differenti modalità di internazionalizzazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
1. Introduzione Il presente lavoro si prefigge di analizzare alcuni dei temi più significativi all'interno del panorama odierno degli studi di management. Esso si configura come la sintesi di due anni di studi specialistici mirati alla più ampia acquisizione possibile di competenze nozionistiche sulla gestione impresariale e sulla loro applicazione all'interno del mondo reale. Come si vedrà, parte del lavoro presenta una simulazione empirica, con l'obiettivo di mettere in pratica i concetti teorici acquisiti e di confrontarsi con la realtà, che rappresenta sempre la sfida più ardua e più stimolante per ogni studioso. Una sfida alla quale qualsiasi studente di management non può sottrarsi. In primis, l'analisi verterà sul Business Plan, uno degli strumenti cardine della programmazione e della gestione imprenditoriale, che, come si avrà modo di vedere, non gode ancora del giusto status all'interno del mondo imprenditoriale italiano, anche se ultimamente si sta assistendo ad una lenta ma progressiva inversione di tendenza. In questa sezione verrà spiegato come realizzare un piano imprenditoriale preciso, dettagliato e soprattutto confacente alle necessità di chi lo stila. Verranno delineati i principali obiettivi da assolvere, precisati gli errori da evitare e descritta la migliore modalità di redazione, sempre tenendo in mente le finalità imprenditoriali che caratterizzano la realizzazione dell'opera. Ogni nozione teorica sarà correlata da appositi esempi pratici per favorire la comprensione e guidare il lettore verso il pieno padroneggiamento delle tecniche che sottendono alla preparazione di un Business Plan ottimale. Nel secondo capitolo verrà proposto un esempio pratico di Business Plan, rispettando lo stesso schema teorico proposto nel corso della prima parte. Queste pagine, di natura prettamente empirica, permetteranno di constatare le difficoltà e gli ostacoli che emergono durante la trasposizione da un'idea alla realtà, che di fatto è la grande sfida con la quale si devono confrontare quotidianamente gli imprenditori e gli investitori. Essendo che le tre tematiche preminenti all'interno di questo lavoro sono il Business Plan, la strategia d'impresa e l'internazionalizzazione, la proposta empirica non poteva esimersi dal presentare il piano imprenditoriale di un'impresa la cui strategia si articolerà in maniera rilevante all'interno del contesto internazionale, fornendo così una crasi dei temi affrontati nel corso della presente dissertazione. Infine, nel terzo ed ultimo capitolo l'attenzione si soffermerà sulla strategia d'impresa, intesa in questa sede come il livello più alto di organizzazione manageriale, votata al lungo termine, deputata al successo commerciale e capace di condizionare irreversibilmente ogni livello dell'organizzazione aziendale. In particolar modo, si analizzeranno i concetti di crescita e di espansione e si cercherà di comprendere perché essi rivestono un ruolo tanto precipuo all'interno degli studi di economia e gestione delle imprese. Verranno comparate le teorie di matrice 7

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Michael Gibbs Contatta »

Composta da 261 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3729 click dal 21/12/2011.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.