Skip to content

La Realtà Virtuale in psicoterapia: scienza o fantascienza?

Informazioni tesi

  Autore: Gabriele Gramaglia
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università Telematica "E-Campus"
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Lucia Colombo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 238

Questo documento è idealmente suddiviso in tre parti.

Nella prima sezione si è cercato di fornire un quadro di riferimento della Realtà Virtuale a sostegno della psicoterapia.
In tal senso, sono state ripercorse alcune tappe della sua, seppur breve, storia, illustrando al contempo quali sono le attrezzature previste e i principali sottostanti tecnologici sui quali essa si basa.

Per consentire la comprensione dei concetti ad una platea allargata, si è comunque cercato di non indulgere a tecnicismi esasperati; ne deriva che la lettura di questi capitoli non presuppone conoscenze specifiche di carattere informatico.
Sempre in questa prima fase, si sono approfonditi i meccanismi e le teorie di riferimento attraverso le quali viene reso possibile l’addentellato tra questa tecnologia e i protocolli di psicoterapia.

La seconda parte di questo documento è invece costituita da una corposa rassegna di studi scientifici pubblicati a livello mondiale e che rappresentano alcune tra le più significative esperienza concrete di applicazione della Realtà Virtuale in psicoterapia.
Per facilitare l’esame di queste evidenze si è provveduto a suddividerle per categorie nosografiche, secondo quanto previsto dal DSM-IV, partendo dai Disturbi d’Ansia che sono il comparto dov’è presente la maggior parte degli esperimenti.
Sempre allo scopo di agevolare la lettura dei dati rinvenuti da questi esperimenti, sono state inserite all’inizio dei relativi capitoli, delle tabelle riassuntive per una veloce overview e per eventuali esigenze di confrontabilità.

La terza sezione comincia con l’esposizione delle riflessioni emerse in un incontro con il Prof. Giuseppe Riva, che rappresenta per questa tematica, una delle figure più autorevoli a livello mondiale.
Il confronto è partito da alcune macro-domande, in ottica di intervista, ma poi ha spaziato a largo raggio su svariati ambiti inerenti la Realtà Virtuale in psicoterapia.
Infine sono state esposte le conclusioni sulla tesi: in tal senso sono stati richiamate le risultanze complessive ricavate dai vari esperimenti (evitando, però, di ridondare i dati analitici che sono facilmente reperibili nelle tabelle riassuntive), nello sforzo invece di commentare il fenomeno in sé, anche in termini di penetrazione e diffusione.

Si tratta quindi di un lavoro articolato in cui vi è stato lo sforzo di operare un costante rimando alla letteratura, vista anche in chiave critica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
12 PARTE PRIMA – LA TEORIA 1. LA REALTA’ VIRTUALE Nell’approcciare questo mondo ci si può imbattere in almeno tre diverse denominazioni: Cyberspazio, Realtà Artificiale e Realtà Virtuale. Spesso questi termini sono trattati a tutti gli effetti come dei sinonimi invece, una più accurata riflessione, evidenzia delle importanti differenze di significato. E’ bene che ci chiariamo preliminarmente le idee in tal senso, in modo da affrontare poi la tematica che ci interessa con maggiore confidenza. Ecco quindi la distinzione secondo l’autore americano Myron Kreuger [Kreuger, 1992], posizione per altro condivisa dalla maggior parte degli esperti in questo campo: Cyberspazio: è il termine più antico, coniato nel 1984 da William Gibson nel suo romanzo Neuromancer, e sta ad indicare il luogo dove è possibile sperimentare la virtualità simultaneamente da più persone in tutto il mondo. Il fine è quello di far coesistere con una sorta di unione tecnologico-culturale, mondi completamente diversi e lontani creando una realtà sostitutiva a quella reale, in grado di mettere in comunicazione allo stesso modo e su piani identici tutti i popoli [Gallarini, 1994]. Realtà Artificiale: permette di sperimentare un mondo che non esiste, infrangendo le leggi della fisica che governano la nostra vita reale. Dentro a questa dimensione possiamo quindi volare, passare attraverso i muri, volatilizzarci, ecc. Per la sua caratteristica di estrema libertà, senza condizioni, vincoli o limiti, è stata esaltata nella sua espressione artistica. Realtà Virtuale: è la possibilità di entrare in un mondo verosimile, e quindi esistente, almeno per il fatto che risponde puntualmente a tutte le leggi della

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

psicologia
psicoterapia
disturbi d'ansia
virtuale
virtual
fobia
cybertherapy
realtà
reality
therapy
agorafobia
rizzo
gabriele
claustrofobia
exposure
hoffman
aracnofobia
aviofobia
gramaglia
rothbaum
botella
vret

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi