Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Contratti partecipativi e venture capital nel sistema finanziario Shariah compliant

La finanza islamica rappresenta uno schema concettuale alternativo caratterizzato dalla assenza di riba (interesse). Ciò genera fattispecie contrattuali caratterizzate dalla presenza della variabile religiosa tra quelle che influenzano la formazione dei contratti finanziari. Essa ha tra i suoi principi cardine la realità dei contratti, il profit and loss sharing finance e il concetto di ummah. I contratti di mudarabah e musharkah analizzati sono quelli peculiari dell'approccio islamico e rappresentano il contratto tipico di P&L Sharing Finance (PLS). Per le caratteristiche peculiari di tale approccio e per le difficoltà del mercato del venture capital europeo, la finanza shariah compliant può rappresentare un'indirizzo nella ricerca di soluzioni alla crisi finanziaria.

Mostra/Nascondi contenuto.
      5   PREFAZIONE Prima di addentrarci nel merito del tema è necessario soffermarsi brevemente sulle motivazioni che mi hanno portato a scegliere un argomento tanto particolare quanto interessante. La passione per la realtà, nella totalità dei suoi fattori, mi ha condotto a studiare e ad appassionarmi di economia, l’arte di reggere e bene amministrare le cose della famiglia e dello stato. Tale passione è sempre stata alimentata dai rapporti di amicizia che, per grazia, mi sono stati donati nella mia vita. Senza anche una sola delle esperienze e degli incontri che ho vissuto in questi anni non mi sarei appassionato di questa tematica, di finanza islamica, un aspetto prima a me sconosciuto che mi ha mosso e impegnato a svolgere questo lavoro di tesi. Ci sono tre criteri fondamentali, riconducibili poi ad uno, con cui cerco di portare avanti il mio lavoro. Il primo è il realismo, la verità, intendendo con questo riferirmi all’urgenza di non privilegiare uno schema che si abbia già presente alla mente rispetto alla osservazione intera, dell’avvenimento reale: come diceva sant’Agostino “Io cerco per sapere qualcosa, non per pensarla. “La verità infatti è logos che crea dia-logos e quindi comunicazione e comunione. La verità, facendo uscire gli uomini dalle opinioni e dalle sensazioni soggettive, consente di portarsi al di là delle determinazioni culturali e storiche e di incontrarsi nella valutazione del valore e della sostanza delle cose. […] Lo sviluppo, il benessere dell’uomo, un’adeguata

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Giovanni Pecora Contatta »

Composta da 159 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1076 click dal 29/12/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.