Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Capitale ''Risorsa Umana'' in impresa: formazione e qualità della vita. il caso Enel

Si affronta il problema attuale della qualità della vita in particolar modo sul posto di lavoro e come la formazione sia un mezzo necessario per contribuire al miglioramento della condizione del lavoratore che in questo modo accresce le sue competenze aumentando anche la capacità competitiva dell’azienda.

Mostra/Nascondi contenuto.
Pag. 2 di 153 PREMESSA L’argomento trattato nasce da una riflessione personale sulle motivazioni che portano le aziende ad investire in servizi a favore dei lavoratori, come per esempio palestre ed asili nido. Infatti, la domanda iniziale è stata: quale è il collegamento, ad esempio, tra un’azienda di servizi e una palestra costruita al suo interno? Ad un primo esame superficiale, prese in considerazione separatamente queste due strutture sembrano non avere nulla in comune, ma ad un successivo approfondimento viene alla luce che le aziende, per rendersi più competitive sul mercato, puntano fortemente sull’apporto strategico riveniente dallo sviluppo delle Risorse Umane. Infatti, come è confermato da diverse teorie 1 , migliorando la condizione lavorativa delle risorse umane aumentano il loro senso di appartenenza, la loro qualità del lavoro, il loro orientamento a seguire gli indirizzi dell’impresa. È per questo che non poche organizzazioni 2 seguono la politica della cura dei propri dipendenti, sia sul piano psicologico sia su quello fisico, mettendo a loro disposizione una pluralità di servizi. Questi, in funzione del grado, del ruolo e del genere spaziano dalla palestra aziendale, utilizzata nell’esempio, al telefono cellulare, dall’automobile aziendale all’asilo nido per i figli dei dipendenti; la lista può essere lunga. La Qualità della Vita (QdV), come si illustra di seguito, è determinata dal soddisfacimento o meno di una vasta gamma di bisogni individuali, e per quanto detto sopra, relativamente alle imprese, focalizza l’attenzione sull’ambito lavorativo, cioè sulla Qualità della Vita di Lavoro. L’individuo, per poter stare bene con se stesso, sentirsi utile e capace sente il bisogno di provare soddisfazione per il proprio lavoro. La soddisfazione sul lavoro è influenzata da molti fattori –relazioni interpersonali, ambiente di lavoro, possibilità di crescere professionalmente e armonizzazione dei tempi lavorativi con quelli dedicati alla famiglia– tutti fattori che in molti casi possono essere migliorati con il supporto dell’azienda. 1 Teoria delle Relazioni Umane, vedi Bonazzi G., 2002 Storia del pensiero organizzativo, FrancoAngeli, Milano, (prima edizione 1989). 2 In questo caso si parla indifferentemente d'organizzazioni, aziende e imprese.

Laurea liv.I

Facoltà: Sociologia

Autore: Eleonora Stancato Contatta »

Composta da 154 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2550 click dal 30/12/2011.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.