Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il datore di lavoro nel gruppo di imprese

Il lavoro si prefigge di analizzare una tematica che risulta imprescindibile data la rilevanza anche numerica dei gruppi di imprese in Italia (circa 80.000 con oltre 183.000 imprese coinvolte secondo il report ISTAT 2011).
Analizzate le criticità legislative, la tesi si occupa dell'evoluzione giurisprudenziale nazionale dagli anni '70 fino alle più recenti pronunzie, anche di merito, che sembrano innovare il sistema verso la teoria della c.d. "co-datorialità", sostenuta da giovani giuristi di grandi prospettive.
Viene dedicato un capitolo anche alla giurisprudenza comunitaria con l'analisi del celebre "caso Heineken".
Infine, il secondo capitolo è dedicato ad una tematica di risorse umane: la gestione dei diversamente abili.
Argomento assolutamente di frontiera nel campo ma che offre spunti interessanti per chi lavora alla perfetta integrazione del diversamente abile nel tessuto aziendale e non solo.

Mostra/Nascondi contenuto.
- 4 - CAPITOLO I – IL GRUPPO DI IMPRESE 1.1 - Premessa Nell’affrontare il tema del datore di lavoro nel gruppo di imprese vengono subito in rilievo una serie di problematiche di vario ordine. Innanzi tutto è già di difficile definizione il concetto, o se vogliamo la categoria, di gruppo di imprese. E questo da varie prospettive. Primariamente necessita rilevare la carenza legislativa in merito a tale tematica la quale, seppur di rilevanza decisiva nell’ambito del sistema imprenditoriale italiano come meglio vedremo più avanti, non è stata mai oggetto di un organico e decisivo intervento da parte del nostro legislatore. Ma non solo, la carenza in questione è ben più profonda: non vi è, infatti, nel nostro Codice Civile neanche la semplice definizione di impresa, avendo optato il legislatore del 1942 solamente per una definizione di imprenditore 1 . Definizione anche questa succinta e suscettibile di interpretazioni varie. Ma volendo ulteriormente porre in evidenza le difficoltà che scaturiscono dall’analisi della tematica oggetto del presente lavoro, si può ben affermare come la stessa figura del datore di lavoro non abbia mai trovato e suscitato una approfondita considerazione nel nostro sistema giuslavoristico, stante la netta preponderanza che ha assunto in tale sistema, sin dagli inizi, la figura del prestatore di lavoro. Insomma, da dove la si guardi, la definizione e la classificazione della figura giuridica del gruppo di imprese risulta compito arduo e di difficile realizzazione. Ma per fortuna in materia qualcosa inizia a muoversi anche grazie al lavoro di giovani giuristi con alcuni dei quali ho avuto il piacere e l’onore di poter collaborare nella stesura della presente tesi. Tali giovani giuristi, forse comprendendo meglio e più velocemente ma anche in maniera più lungimirante il mutare degli assetti socio-economici della nostra società, società si badi bene oramai da considerarsi in una prospettiva 1 Vedi: Codice Civile, art. 2082, rubricato “Dell’imprenditore”.

Tesi di Master

Autore: Antonio Fiumanò Contatta »

Composta da 43 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 553 click dal 11/01/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.