Skip to content

Un approccio model-driven per lo sviluppo di simulazioni distribuite in ambito Systems Engineering

Informazioni tesi

  Autore: Gabriele Fabiani
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria informatica
  Relatore: Andrea D'Ambrogio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 118

Il lavoro definisce un approccio per ridurre l’effort di sviluppo di sistemi di simulazione distribuita nell’ambito dell’ingegneria dei sistemi. Per raggiungere l’obiettivo prefissato si è deciso di adottare metodi e standard della model driven engineering (MDA, Model Driven Architecture in particolare).
Per la simulazione distribuita è stato considerato lo standard IEEE HLA (High Level Architecture) con la definizione di uno specifico profillo UML.
Poi è stata definita una trasformazione (M2M, Model to Model) per la generazione di un modello per HLA (modello UML con apposito profilo) partendo da un modello dell’ingegneria dei sistemi definito con SysML (System Modeling Language).
La trasformazione è stata prima definita a livello concettuale poi sono state considerate e confrontate due soluzioni implementative:
• Trasformazione definita tramite QVT (Query View Transformation) Operational Mappings in ambito MDA
• Trasformazione definita con Artisan Studio (linguaggio sdl), suite di modellazione sviluppata da Atego
In seguito dal modello UML per la simulazione distribuita basato su HLA sono state definite le regole di mapping per la generazione di codice eseguibile a livello concettuale poi implementate attraverso lo standard in ambito MDA MOFM2T (MOF Model to Text).
Come implementazione HLA RTI (Run-Time Infrastructure) è stata scelta la piattaforma open source Portico con generazione di codice Java.
Infine è stato considerato un caso di studio su cui applicare le trasformazioni definite e successiva analisi dell’effort necessario per l’esecuzione di una simulazione completa.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione 1 Introduzione L’ingegneria dei sistemi (Systems Engineering) definisce una serie di approcci per lo sviluppo di sistemi complessi attraverso la definizione di un processo che va dalla gestione dei requisiti fino al rilascio del sistema. Questo raccoglie tutti gli aspetti riguardanti le discipline ingegneristiche coinvolte nello sviluppo garantendo un alto grado di interazione. In ogni fase dello sviluppo di un sistema è possibile eseguire una serie di simulazioni per prevedere il comportamento di un sistema evidenziando eventuali problematiche che possono presentarsi sul prodotto una volta rilasciato. La simulazione distribuita definisce l’interazione tra più unità di elaborazione interconnesse tramite una rete di comunicazione ed è utile per definire il comportamento di un sistema interdisciplinare in fase di sviluppo. Obiettivo di questo lavoro è definire un approccio model-driven in ambito Systems Engineering basato sullo standard HLA (High Level Architecture) di simulazione distribuita. All’inizio sono introdotti i principi base della modellazione di sistema basata su modello MBSE (Model Based Systems Engineering) e il linguaggio per la modellazione di sistemi di sistemi UPDM (Universal Profile for DoDAF and MODAF). In seguito sono presentate le principali caratteristiche dello standard di modellazione SysML (System Modeling Language) ed è fornita una visuale generale dei principi MDA (Model Driven Architecture) descrivendo il linguaggio per le trasformazioni “model to model” (M2M) QVT (Query View Transformation) e quello per le trasformazioni “model to text” (M2T) MOF2Text. Nel capitolo 3 è introdotto il tool per lo sviluppo nell’ambito dell’ingegneria dei sistemi Artisan Studio prendendo come riferimento le trasformazioni “model to model” (M2M). Nel capitolo 4 è introdotta l’architettura per la simulazione distribuita HLA (High Level Architecture) con la descrizione dei principi base per la definizione di una federazione (simulazione) e dei federati (i partecipanti). Nel capitolo 5 è definito un profilo per HLA che estende il metamodello UML (Unified Modeling Language) e racchiude le principali caratteristiche dell’architettura di simulazione distribuita fornendo gli elementi base per modellare la simulazione di un sistema complesso. Attraverso i principi definiti da MDA e QVT Operational Mappings sono elaborate le regole di mapping da modello SysML a modello UML con profilo HLA (capitolo 6). In seguito si esamina un caso di studio reale modellato con SysML su cui è applicata la trasformazione “model to model” (M2M) precedentemente definita. Viene poi considerata la soluzione per la specifica delle trasformazioni M2M (model to model) implementata nel tool per lo sviluppo di sistemi Artisan Studio. Questa soluzione proprietaria presenta un proprio linguaggio per definire trasformazioni M2M, denominato sdl (Specification and Description Language), con relativa notazione grafica basata su diagramma delle classi UML, e presenta delle analogie con QVT OM (Operational Mappings). Anche qui è considerato il caso di studio SysML applicato alla trasformazione definita con QVT Operational Mappings. Viene poi definito un confronto tra le due soluzioni per implementare una trasformazione “model to model” evidenziando le principali analogie nell’esprimere regole di mapping, basando la comparazione relativamente alle principali caratteristiche dei linguaggi per la definizione di trasformazioni M2M: definizione clausole, potere espressivo, ordine di esecuzione, principali costrutti, cardinalità di input/output, direzionalità e semplicità di utilizzo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

uml
hla
simulazione distribuita
mda
sysml
ingegneria dei sistemi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi