Skip to content

Verifica di algoritmi in tempo reale per la taratura automatica di controllori PID

Informazioni tesi

  Autore: Marco Clementi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria dell'informazione
  Relatore: Michele Basso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 107

Questo lavoro ha lo scopo di spiegare in modo dettagliato uno dei metodi dinamici più efficienti per la taratura automatica dei controllori PID, che si basa su un algoritmo chiamato Extremum Seeking. Il punto di forza della discussione, oltre a prevedere una trattazione completamente tempo-discreta, è quello di lavorare su modelli ed effettuare prove esclusivamente in tempo reale, essendo questo un modo di procedere che rispecchia le reali condizioni di lavoro nella realtà. A tal fine tutti i nostri modelli, impianto da controllare e regolatori, così come l'algoritmo Extremum Seeking, saranno realizzati attraverso schemi a blocchi tramite il pacchetto Simulink di Matlab.
- Nel Capitolo 1 viene descritto il controllore industriale PID, insieme alle sue principali caratteristiche; in particolare verranno dati i due classici modelli di rappresentazione (quello ideale e quello reale). Inoltre vengono brevemente spiegati i due principali metodi statici di sintonizzazione, che ci serviranno come punto di partenza per l'algoritmo dell'Extremum Seeking: il metodo di Zieger-Nichols ad anello aperto e ad anello chiuso.
- Nel Capitolo 2 studierò il funzionamento dell'algoritmo Extremum Seeking nel dominio tempo-discreto, a partire dalle equazioni alle differenze che lo descrivono, analizzando i vari parametri dell'algoritmo con la loro rispettiva influenza e infine ricavando uno schema a blocchi equivalente per l'implementazione REAL-TIME dello stesso. Durante questa trattazione focalizzeremo la nostra attenzione sulla corrispondenza tra equazioni e schema equivalente, soffermandoci su certi punti di interesse per la cui analisi si rimanda direttamente al Capitolo 2.
- Nel Capitolo 3 sarà descritto lo schema di controllo completo REAL-TIME che utilizzeremo per le nostre prove. Oltre all'algoritmo dell'Extremum Seeking, lo schema comprenderà una struttura dedita al calcolo del costo e alla generazione dei segnali di sincronizzazione, nonchè il modello dell'impianto da controllare e il modello del controllore PID (che come vedremo si differenzia leggermente dalle rappresentazioni usuali citate nel Capitolo 1.
- Nel Capitolo 4 sarà condotta una verifica del funzionamento dell'algoritmo dell'Extremum Seeking attraverso semplici esempi, riguardanti modelli descritti da funzioni di trasferimento discrete con un numero assai limitato di poli e zeri (con e senza ritardo). Analizzando questi primi risultati si cercherà di capire il ruolo dei vari parametri dell'algoritmo e sotto quali condizioni si ha la tendenza a convergere verso parametri ottimi.
- Nel Capitolo 5 ci concentreremo sull'applicazione dell'algoritmo dell'Extremum Seeking ad un caso di progetto pratico, riguardante il modello in scala di elicottero Humusoft CE 150. La trattazione comincierà dal progetto di due controllori PID per la regolazione iniziale delle dinamiche che descrivono il modello: quella relativa all'angolo di elevazione e all'angolo di azimuth; si passerà quindi a ricavare il modello matematico non lineare e poi quello linearizzato dell'elicottero Humusoft CE 150. A questo punto, una volta implementati in simulink questi due modelli, passeremo alle prove effettive di funzionamento, descrivendo il modo con cui si riesce ad ottenere un set di parametri ottimi per il controllo delle due dinamiche accoppiate. Inoltre studieremo l'effetto della presenza del rumore nello schema di controllo, discutendo poi una possibile modifica nel calcolo dell'integrale del costo che l'Extremum Seeking deve minimizzare. Essa prevede di sommare all'errore anche le variazioni sugli ingressi, introdotte per lo studio della risposta e l'ottimizzazione dei parametri per il modello non lineare di elicottero.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Il controllo automatico di un dato sistema, che sia un motore, un impianto industriale o una funzione biologica come il nostro battito cardiaco, si prefig- ge di modificare il comportamento di quest’ultimo (o meglio delle sue uscite) attraverso la manipolazione di grandezze identificate come i suoi ingressi. Nella trattazione focalizzeremo la nostra attenzione su sistemi automatici di controllo in reatroazione, dove il ruolo di controllore ` e assegnato a regolato- ri PID. I regolatori PID (detti regolatori ad azione Proporzionale-Integrale- Derivativa)rappresentanocertamenteunadelleclassidireticorrettricilineari in retroazione maggiormente utilizzate in ambito industriale. Il motivo della loro preferenza ` e da imputare sicuramente alla semplicit` a della loro struttu- ra, che li rende pratici sia da realizzare (con l’impiego di soli amplificatori operazionali, resistenze e capacit` a), sia da mettere a punto per il controllo di un’ampia gamma di processi. Le prestazioni che ci pu` o garantire un re- golatore PID dipendono fortemente dalla qualit` a della sintonizzazione dello stesso, che si riassume nella scelta, ottima o meno, di certi parametri che lo costituiscono: tale operazione prende anche il nome di taratura. ImetodiusatipertarareunregolatorePIDsonomolteplici: perfissareleidee mi permetto di suddividerli tra metodi statici (ad esempio, Zieger-Nichols), attraverso i quali ottengo un preciso e definitivo set di parametri per il PID, e metodi dinamici, per i quali, a partire da un set di parametri iniziali ot-

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

tuning
pid
taratura automatica
controllori pid
auto tuning
algoritmi tuning
real time tuning
pid control
regolatori pid
algoritmi taratura
extremum seeking
simulink tuning
zieger-nichols
regolazione pid
autotaratura
algoritmo pid
algoritmo autotaratura
extremum seeking pid
controllore pid
regolatore pid
taratura tempo reale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi