Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il rischio operativo nell'attività di banca depositaria: il caso Beta

La tendenza alla concentrazione nel settore è confermata dal recente perfezionamento di numerose operazioni attraverso le quali importanti banche italiane hanno ceduto rami d’azienda connessi con le attività di securities services.

Nello specifico:
- nel Febbraio 2006, UniCredit ha ceduto le proprie attività a Société Générale;
- nel corso del 2008 anche le attività ex-Capitalia sono state alienate;
- nel Giugno 2007, Banca Monte dei Paschi di Siena ha venduto l’attività di banca depositaria a Intesa Sanpaolo;
- nel Settembre 2009, UBI ha annunciato la cessione della propria banca depositaria a RBC Dexia;
- nel Dicembre 2009, Intesa Sanpaolo ha dismesso il business delle securities services a State Street;
- nell’Aprile 2010, Banca Popolare di Milano ha realizzato la cessione della propria banca depositaria a BNP Paribas;
- nel Settembre 2010, Banca Carige ha annunciato la cessione della propria banca depositaria a ICBPI.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 IL RISCHIO OPERATIVO NELL’ATTIVITÁ DI BANCA DEPOSITARIA: IL CASO BETA 1 L’attività di banca depositaria 1.1 Premessa Le attività di securities services, negli ultimi anni, sono state al centro dell’attenzione del mercato finanziario, in quanto: il mercato delle securities services, a livello mondiale, è particolarmente concentrato, con i primi 5 operatori che detengono una quota del 60%; il “successo“ degli operatori in tale attività è correlato al raggiungimento di significative economie di scala, in larga parte dovute alla necessità di ammortizzare gli ingenti costi sostenuti per l’acquisto di complesse infrastrutture tecnologiche; lo sviluppo di un mercato comune per i servizi finanziari in Unione Europea ha fornito una ulteriore spinta verso il consolidamento del settore; la cessione rappresenta un’opportunità per le banche di valorizzare un proprio asset (peraltro spesso privo di avviamento), realizzando una plusvalenza; l’attività in potenziale dismissione si riferisce ad un business “non core“. La tendenza alla concentrazione nel settore è confermata dal recente perfezionamento di numerose operazioni attraverso le quali importanti banche italiane hanno ceduto rami d’azienda connessi con le attività di securities services. Nello specifico: nel Febbraio 2006, UniCredit ha ceduto le proprie attività a Société Générale; nel corso del 2008 anche le attività ex-Capitalia sono state alienate; nel Giugno 2007, Banca Monte dei Paschi di Siena ha venduto l’attività di banca depositaria a Intesa Sanpaolo; nel Settembre 2009, UBI ha annunciato la cessione della propria banca depositaria a RBC Dexia; nel Dicembre 2009, Intesa Sanpaolo ha dismesso il business delle securities services a State Street; nell’Aprile 2010, Banca Popolare di Milano ha realizzato la cessione della propria banca depositaria a BNP Paribas; nel Settembre 2010, Banca Carige ha annunciato la cessione della propria banca depositaria a ICBPI.

Tesi di Master

Autore: Stefano Pelloni Contatta »

Composta da 39 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1046 click dal 12/01/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.