Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il diritto alla salute degli stranieri: un confronto tra Spagna e Italia.

Nei primi due capitoli della tesi si analizzano le norme costituzionali ed ordinarie che, nei rispettivi Paesi, hanno riconosciuto ed attuato i diritti fondamentali degli stranieri, ricostruendo, in particolare, il percorso normativo e giurisprudenziale mediante il quale si è giunti all’affermazione del diritto alla salute e all’assistenza sanitaria degli immigrati.
Il lavoro passa poi ad esaminare la legislazione ordinaria italiana e spagnola in tema di immigrazione, integrazione e riconoscimento dei diritti fondamentali e sociali, mettendo in evidenza come negli ultimi venticinque anni i legislatori dei due Paesi, a seconda del colore politico del Governo in carica, hanno introdotto varie leggi sull’immigrazione che hanno regolato in maniera anche manifestamente differente la materia dei diritti degli stranieri, le condizioni di ingresso e soggiorno e le modalità di allontanamento ed espulsione dell’immigrato irregolare.
Inoltre, nelle sue prime due parti, l’elaborato indaga più a fondo sui principi costituzionali posti a difesa del bene salute, essendo questo un bene essenziale garantito a tutti. Tra la vasta gamma dei diritti fondamentali e dei diritti sociali contenuti nelle suddette costituzioni un posto di assoluto rilievo spetta al diritto alla salute, che si concretizza nel ricevere cure mediche ed interventi sanitari. In questo percorso di graduale riconoscimento del diritto dello straniero a ricevere cure mediche alle stesse condizioni del cittadino, centrale e imprescindibile è stato l’apporto fornito dai giudici supremi, tanto spagnoli quanto italiani, nel cui solco il legislatore statale si è inserito per disciplinare compiutamente l’intera materia. Una pietra miliare costituisce la sentenza n. 252/2001 che ha richiamato lo Stato a garantire agli stranieri “un nucleo irriducibile del diritto alla salute protetto dalla Costituzione come ambito inviolabile della dignità umana (…) qualunque sia la loro posizione rispetto alle norme che regolano l’ingresso ed il soggiorno nello Stato”.
Il terzo capitolo, dopo un’ampia panoramica sulle ragioni storiche, politiche e sociali che hanno portato alla nascita dello Stato autonomico spagnolo e dopo aver descritto le caratteristiche delle Comunidades Autonomas e l’ambito delle loro competenze legislative, affronta il delicato tema dell’intervento delle Comunidades Autonomas nella disciplina dell’immigrazione, con particolare riguardo alle leggi autonomiche che hanno ampliato la categorie di stranieri che possono godere del diritto all’assistenza sanitaria.
L’ultimo capitolo analizza il quadro giuridico ed istituzionale odierno, alla luce delle pronunce dei giudici costituzionali italiani e spagnoli circa la legittimità delle leggi e degli Statuti di Autonomia che hanno dichiarato la competenza delle Regioni e delle Comunidades Autonomas in materia di immigrazione ed hanno innalzato il livello di protezione dei diritti degli immigrati, sancendo una tutela superiore.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 “Solo voy con mi pena sola va mi condena correr es mi destino para burlar la ley …” (MANU CHAO, Clandestino) “Migrazioni e salute costituiscono da sempre un binomio a forte impatto sociale” 1 . L‟immigrazione porta con sé delle implicazioni giuridiche che lungi dall‟essere ignorate, devono essere affrontate, soprattutto quando si tratta di salute. Anche in tempi recenti, infatti, si è assistito ad una nuova ondata di sbarchi sulle coste italiane di uomini, donne e bambini provenienti da Paesi del Maghreb e dell‟Africa sub-sahariana, Paesi segnati da fame, povertà e ultimamente diventati anche teatro di guerre civili. Altri giungono dai paesi dell‟Europa orientale, attratti dalla prospettiva di un lavoro e di una società più libera e democratica. Questi gruppi di persone fuggono da condizioni di vita insostenibili poiché nei Paesi di provenienza l‟accesso ai servizi minimi e l‟esercizio dei diritti più elementari, tali da consentire una vita degna, è di fatto negato e pertanto è sempre più difficile vivere con dignità e speranza. “Il Rapporto sullo Sviluppo Umano 2000 curato dall'United Nation 1 F. DERIU, Sistema sanitario e bisogni dell‟immigrazione, in Migrazioni: dimensioni sociali e policy making, n. 3/2004, Ediesse, p. 1

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Dario Comegna Contatta »

Composta da 221 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3100 click dal 09/01/2012.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.