Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

3(D)o it yourself: dallo user generated content allo user generated object

Attraverso l’analisi di alcune teorie di consumo, classiche e contemporanee, ho tentato di delineare il percorso che via via a portato il consumatore ha rendersi sempre più indipendente
e informato sul prodotto che acquista. L’evoluzione della stampa 3D, di cui faccio un analisi specifica del metodo di funzionamento, rafforza il potere dell’utente sul prodotto e sul mercato stesso, distruggendo l’attuale sistema di produzione. L’intero processo produttivo è reso più economico e personalizzato dall’utente stesso che diventa progettatore e produttore di un oggetto finito. Di non minor importanza, possono essere considerati i benefici che portano le stampanti 3D nei campi applicativi in cui s’inseriscono come : medicina, architettura, ingegneria, moda.
La rivoluzione stampante a tre dimensioni, prospetta scenari ipotetici interessanti e sopratutto a vantaggio di un consumatore sempre più coinvolto nelle attività di consumo.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE “L’ unità elemento, gli individui, è creata dal sistema che li impegna come elemento per la creazione di relazioni” 1 Usare i beni di consumo in modo attivo e creativo è caratteristico del genere umano, ma questo processo è stato sicuramente supportato dalla mediatizzazione, che ha caratterizzato il secolo precedente, e che si sta evolvendo in questo grazie anche al web 2.0 . Nella mia tesi andrò a sviluppare questo percorso evolutivo partendo dalle teorie dell‟economia Capitalistica di MARX , che per prime hanno individuato i consumatori come i principali mezzi per creare un valore aggiunto a un prodotto; arrivando ai giorni nostri dove l‟utente è parte integrante di una rete che lo collega a qualunque parte del mondo e a chiunque, all‟interno della stessa rete, dando possibilità allo stesso di arricchire il prodotto di un valore aggiunto ed innovarlo continuamente. Oggigiorno i prodotti immessi nel mercato, non sono più visti dal consumatore solo come oggetti-segno, il cui valore è stabilito solamente da caratteristiche estetiche o di produzione dell‟oggetto stesso, ma sono valorizzati da altri fattori che permettono di arricchire il prodotto di per sé. Internet e le nuove tecnologie stanno portando ad un evoluzione della figura del consumatore, che prima di compiere una determinata scelta decide sempre più di consultarsi ed informarsi sul prodotto stesso. 1 Cit in Luhmann, N. , Ambiente umano e valore di scambio, Manfè G., Urbino 2000

Laurea liv.I

Facoltà: Sociologia

Autore: Valentina Vigna Contatta »

Composta da 70 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1019 click dal 18/01/2012.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.