Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Embrione umano e scienza: un confronto tra Oriente e Occidente

La tesi analizza i vari punti di vista in merito al trattamento dell'embrione umano. Vengono trattate tutte le linee di pensiero sull'importanza dell'embrione e sulla possibilità o meno di crearlo e utilizzarlo esclusivamente per la ricerca scientifica. Vengono anche confrontate le normative vigenti nel mondo e si considera l'influenza esercitata dalla tradizione storico-culturale e religiosa in vari Paesi del mondo, appartenenti alle due macro aree Oriente e Occidente.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE La fine del secondo conflitto mondiale ha segnato per il mondo l‟inizio di una nuova fase della tutela dei diritti umani, una nuova fase che avrebbe dovuto portare all‟ “internazionalizzazione” di tali diritti, cioè alla loro tutela a livello mondiale, seguendo un unico codice riconosciuto universalmente. I diritti dell‟uomo, però, sono una categoria enormemente vasta e variegata, molti di questi diritti sono già riconosciuti, garantiti e protetti da una serie di atti e trattati internazionali, altri invece, sono soggetto di dibattiti alquanto accesi e controversi nella comunità degli Stati. Lo sviluppo scientifico e tecnologico, che proprio in questi ultimi decenni ha subito una forte accelerazione, ha posto il mondo di fronte a nuovi problemi politici, economici, ma soprattutto morali ed etici, nei quali si avverte la necessità di trovare un accordo proprio sulla tutela dei nuovi diritti. La nascita di queste nuove problematiche ha anche contribuito alla creazione di nuove scienze, tra le quali la Bioetica. Per quanto concerne l‟ambito trattato in questo lavoro, lo sviluppo scientifico e tecnologico è interessante in quanto si è spinto ad un punto tale da poter permettere la clonazione di un uomo, ma, com‟è noto, tale possibilità non è scevra di effetti collaterali per l‟embrione che, in tale ottica, rischia di diventare un mero oggetto, la cui creazione è finalizzata esclusivamente alla tutela della vita di una “persona”(clonazione terapeutica) o, in altri casi, alla realizzazione di alcuni desideri di quest‟ultima (clonazione riproduttiva). Questa è una visione che privilegia esclusivamente l‟essere umano nato, relegando l‟essere umano nelle fasi precedenti alla nascita al grado di semplice “strumento” nelle mani della scienza.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Antonio Paolo Calsolaro Contatta »

Composta da 78 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1260 click dal 20/01/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.