Skip to content

Il Building Management nella gestione dei patrimoni immobiliari

Informazioni tesi

  Autore: Massimiliano Nalin
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università Telematica Guglielmo Marconi
  Facoltà: Scienze e Tecnologie
  Corso: Urbanistica e scienze della pianificazione territoriale e ambientale
  Relatore: Francesco Turchi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 151

Le impellenti motivazioni della ricostruzione seguita all’ultimo conflitto mondiale sono alla base di un modus operandi in edilizia che si è protratto per più di mezzo secolo.
Committenti, progettisti, imprese ed utilizzatori finali sono stati indotti a tralasciare l’aspetto qualità sia nei termini contrattuali (la definizione “regola d’arte” assomiglia ormai ad una licenza poetica), sia in termini progettuali (raramente gli elaborati raggiungono un livello esecutivo), sia in capo alla concreta realizzazione (dato l’elevato numero di ditte improvvisate) ed infine anche nei termini della fruizione degli immobili.
Tale sfrenatezza ha piegato spesso alla volontà del mercato l’attività urbanistica, la programmazione del territorio e la stessa legislazione, a diversi livelli (statale e regionale).
Ha inoltre determinato condoni edilizi e sospensione di provvedimenti sanzionatori di attività abusive; qualche volta, mascherandoli come semplificazione delle procedure burocratiche, ha consentito ampliamenti delle possibilità edificatorie del tutto ingiustificati, e spesso inutili.
A tale sregolatezza chiaramente non poteva porre alcun tipo di ostacoli l’intero comparto dell’industria edilizia, spesso concentrata a costruire malamente con il solo intento di immettere sul mercato beni da vendere nel minore tempo possibile.
Il risultato è che il nostro parco edilizio è andato in crisi a causa di dissesti strutturali e patologie da umidità, oltre ad essere profondamente inadeguato dal punto di vista energetico, come ci ha drammaticamente rivelato la crisi energetica degli anni ’70, ed in profondo deficit tecnologico.
Dulcis in fundo, il patrimonio edilizio è sempre stato affidato alla gelosa custodia delle famiglie, pur se prive di possibilità economiche, e senza incentivi fiscali necessari per la sua fruizione ottimale.
Tutto ciò è avvenuto non solo in ambito direzionale, dopo la rivoluzione del lavoro di ufficio provocato dall’avvento dell’informatica, ma anche nel campo della piccola edificazione residenziale.
Il grande interesse che i nuovi operatori del processo edilizio dimostrano oggi nei confronti delle tematiche legate alla manutenzione nasce quindi da diversi motivi.
In primis la considerazione che un immobile è formato da diverse componenti, che non hanno la medesima durata ed efficienza; ogni edificio, in particolar modo se dotato di complessità funzionale e tecnologica, presenta dei costi di gestione che possono anche superare quelli necessari per la sua costruzione.
Vi è poi un insieme di nuove disposizioni normative che hanno imposto modifiche in ordine ai necessari adeguamenti, ma soprattutto l’interesse trae origine dal fatto che una crescente presenza di difetti dei nostri edifici non riguarda solo i fabbricati più datati ma anche quelli recenti.
Prescindendo da questo interesse, solo una limitata porzione del patrimonio edilizio è sottoposta a man. programmata, ed un segmento ancora più limitato la tiene in considerazione come un dato di base per la progettazione.
In edilizia il termine manutenzione significa ancora riparare guasti avvenuti, piuttosto che prevedere operazioni preventive nei confronti degli elementi tecnici più soggetti ad invecchiamento funzionale.
I purtroppo recenti esiti negativi in campo qualitativo, provocati da una progettazione approssimata o da una banale gestione delle innovazioni tecnologiche, stanno portando ad un progressivo cambiamento di mentalità, in particolare per quanto riguarda la ricerca; quest’ultima sta infatti esplorando con sempre maggiore intensità temi di impatto sociale quali sicurezza, salute ed eco-sostenibilità.
Tali trattazioni sono diventate ormai dei parametri di competitività del processo edilizio, assumendo un’importanza sempre maggiore e costringendo gli attori del processo stesso a confrontarsi anche con tematiche relative, per esempio, al ciclo di vita ed ai costi globali.
A corollario di tutto ciò, le carenze gestionali del patrimonio immobiliare pubblico, e di una parte non irrilevante di quello privato non residenziale, hanno determinato ed ancora oggi determinano un grave danno economico per il nostro Paese.
A fronte di un valore patrimoniale di dimensioni enormi, la redditività prodotta da questo capitale è spesso irrilevante, e nel caso dei patrimoni pubblici spesso i costi superano i redditi prodotti dal capitale immobiliare.
L’Osservatorio sul Patrimonio Immobiliare degli Enti Previdenziali Pubblici, istituito dal D. Lgs. 104/1996, ha compiuto un’attenta ricognizione su una parte del patrimonio degli Enti Previdenziali Pubblici (INPDAP, INPS, INAIL, IPOST, IPSEMA, INPDAI, ENPAF, ENPALS).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Le impellenti motivazioni della ricostruzione seguita all’ultimo conflitto mondiale sono alla base di un modus operandi in edilizia che si è protratto per più di mezzo secolo. Committenti, progettisti, imprese ed utilizzatori finali sono stati indotti a tralasciare l’aspetto qualità sia nei termini contrattuali (la definizione “regola d’arte” assomiglia ormai ad una licenza poetica), sia in termini progettuali (raramente gli elaborati raggiungono un livello esecutivo), sia in capo alla concreta realizzazione (dato l’elevato numero di ditte improvvisate) ed infine anche nei termini della fruizione degli immobili. Tale sfrenatezza ha piegato spesso alla volontà del mercato l’attività urbanistica, la programmazione del territorio e la stessa legislazione, a diversi livelli (statale e regionale). Ha inoltre determinato condoni edilizi e sospensione di provvedimenti sanzionatori di attività abusive; qualche volta, mascherandoli come semplificazione delle procedure burocratiche, ha consentito ampliamenti delle possibilità edificatorie del tutto ingiustificati, e spesso inutili. A tale sregolatezza chiaramente non poteva porre alcun tipo di ostacoli l’intero comparto dell’industria edilizia, spesso concentrata a costruire malamente con il solo intento di immettere sul mercato beni da vendere nel minore tempo possibile. Il risultato è che il nostro parco edilizio è andato in crisi a causa di dissesti strutturali e patologie da umidità, oltre ad essere profondamente inadeguato dal punto di vista energetico, come ci ha drammaticamente rivelato la crisi energetica degli anni ’70, ed in profondo deficit tecnologico. Dulcis in fundo, il patrimonio edilizio è sempre stato affidato alla gelosa custodia delle famiglie, pur se prive di possibilità economiche, e senza incentivi fiscali necessari per la sua fruizione ottimale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

global service
manutenzione
patrimoni immobiliari
gestione immobili
immobili
building manager

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi