Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La revoca della proposta e dell'accettazione

Lo schema principale di formazione del contratto è caratterizzato dallo scambio di dichiarazioni fra due o più soggetti. Tali dichiarazioni devono seguire un preciso ordine, caratterizzato dalla «sottoposizione di un progetto di regolamento negoziale da parte di uno di essi all’altro e dall’adesione di quest’ultimo a quel progetto»; tutto ciò si concretizza nella proposta della stipulazione di un contratto e nella successiva accettazione da parte dell’oblato.
Il modulo della proposta e dell’accettazione è ritenuto dall’art. 1326 c.c. l’elemento strutturale essenziale e tipico per la formazione del contratto tra persone lontane. Il concetto di «formazione» indica il risultato di un’attività che porta all’esistenza di un atto giuridico come appunto è il contratto, il quale è «congruenza» tra proposta e accettazione.
Su questo punto sia la dottrina che la giurisprudenza sono concordi nel considerare che per la conclusione del contratto non basta che l’accettazione giunga a conoscenza del proponente, ma occorre che questa sia conforme alla proposta, mancando la quale l’accettazione viene a valere come una nuova proposta, pertanto il proponente viene liberato dal vincolo costituito dalla sua originaria proposta anche in difetto di una sua formale revoca. Quindi qualora il giudice sia chiamato a decidere se in un caso specifico vi sia stato oppure no la conclusione di un contratto deve esaminare prima di tutto, anche d’ufficio, se tra la proposta e l’accettazione vi sia la concordanza richiesta dalla legge. Inoltre la giurisprudenza è ferma nel considerare che la sentenza data in un giudizio avente ad oggetto la conformità dell’accettazione con la proposta è incensurabile in sede di legittimità, salvo che nella motivazione della sentenza impugnata siano presenti vizi, difetti o contraddizioni.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO I CONCLUSIONE DEL CONTRATTO E REVOCA DELLA PROPOSTA E DELL’ACCETTAZIONE 1. La conclusione del contratto. Cenni generali. Lo schema principale di formazione del contratto è caratterizzato dallo scambio di dichiarazioni fra due o più soggetti. Tali dichiarazioni devono seguire un preciso ordine, caratterizzato dalla «sottoposizione di un progetto di regolamento negoziale da parte di uno di essi all’altro e

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Vincenzo Bulla Contatta »

Composta da 106 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3824 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.