Skip to content

Un'analisi delle initial public offerings in Cina

Informazioni tesi

  Autore: Xiaofeng Sun
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Legislazione per l'Impresa
  Relatore: Silvia Rigamonti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 148

Le initial public offerings (IPO) sono tra le operazioni finanziarie che più hanno riscosso e continuano a riscuotere interesse in letteratura. Il processo attraverso cui una società raccoglie capitali offrendo le sue azioni al pubblico di investitori, infatti, ha attirato l’attenzione degli studiosi di tutto il mondo per la sua importanza e criticità. Nella letteratura economica esiste un’ampia raccolta di studi e ricerche, che vagliano i motivi per cui un’impresa decide di quotarsi. Secondo la teoria del “pecking order” (Myers, 1984), esiste un ordine gerarchico nelle fonti di finanziamento, e la scelta del capitale di rischio è l’ultima da attuare. Secondo un differente approccio (Myers e Majluf, 1984), i manager, che dispongono di informazioni più precise sul reale stato di salute dell’impresa, tendono ad offrire azioni solo quando il mercato le sopravvaluta. Per Ibbotson e Ritter (1995), la decisione di quotarsi costituisce parte del ciclo di vita di un’impresa, che si rende necessario quando l’investimento da effettuare sarebbe troppo grande ed illiquido se le azioni non fossero quotate. Analisi passate hanno regolarmente evidenziato una caratteristica o più precisamente “anomalia” comune a quasi tutte le operazioni di quotazione, ovvero l’IPO underpricing. Tale fenomeno può essere riscontrato ogni qualvolta i prezzi di emissione risultino sistematicamente inferiori ai prezzi rilevati il primo giorno di quotazione. In altri termini, può essere definito come la differenza tra il prezzo di collocamento dei titoli e la quotazione registrata nel periodo immediatamente successivo all'offerta (ossia il primo giorno di contrattazione), al netto della variazione dell'indice di borsa in esame. L'IPO underpricing è un fenomeno comune alla maggior parte dei mercati azionari, sia in quelli “sviluppati” che in quelli “emergenti”, nonostante il suo livello vari da Paese a Paese. I primi studiosi a documentare questa “anomalia” del mercato furono Logue (1973) e Ibbotson (1975): essi riscontrarono un underpricing medio dell'11,4% per gli IPOs condotti negli anni '60 negli USA. Ritter (1984), invece, rilevò un underpricing medio del 18,8% per i circa 5000 IPOs condotti negli USA fra il 1960 ed il 1982. Da lì in poi, numerosi studi hanno cercato di indagare questo fenomeno, avanzando numerose ipotesi esplicative; ma tuttora l'underpricing rappresenta ancora uno dei grandi “puzzle” della finanza a cui gli studiosi del campo tentano di darvi risposta (Brealey e Myers, 1991). Ad ogni modo, una percezione comune è che l'underpricing di un'IPO sia in contraddizione con quanto suggerito dalla teoria economica, in base alla quale, in un mercato perfetto ed efficiente, le società non dovrebbero certo essere propense a "leave money on the table". Da questo punto di vista, un caso emblematico è quello della Cina, dove si sono osservati livelli di underpricing che variano dal 124% al 949% (Chi e Padgett, (2005); Su e Fleisher, (1999); Yu e Tse, (2006)). Valori ben al di sopra di quelli comunemente osservati nelle economie sviluppate dove gli abnormal returns rientrano in un range da 11% a 48% (Loughran e Rydqvist, (1994); Ljunqvist, (1997); Ritter e Welch, (2002)); ma ciò che sorprende è che non è possibile riscontrare similitudini neanche con gli underpricing registrati nelle altre economie emergenti (come India e Brasile) dove il valore varia da un minimo di 33% fino al 104% (Kim, et al. (1995); Yong, et al., (2003); Marisetty e Subrahmanyam, (2006)). L’obiettivo principale di questa tesi di laurea è quello di cercare di spiegare il motivo per cui l’IPO underpricing viene rilevato in Cina con valori che si discostano ampiamente da quelli osservati in ogni altro Paese del mondo e che lo rendono un fenomeno assolutamente unico nel panorama internazionale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Le initial public offerings (IPO) sono tra le operazioni finanziarie che più hanno riscosso e continuano a riscuotere interesse in letteratura. Il processo attraverso cui una società raccoglie capitali offrendo le sue azioni al pubblico di investitori, infatti, ha attirato l‟attenzione degli studiosi di tutto il mondo per la sua importanza e criticità. Nella letteratura economica esiste un‟ampia raccolta di studi e ricerche, che vagliano i motivi per cui un‟impresa decide di quotarsi. Secondo la teoria del “pecking order” (Myers, 1984), esiste un ordine gerarchico nelle fonti di finanziamento, e la scelta del capitale di rischio è l‟ultima da attuare. Secondo un differente approccio (Myers e Majluf, 1984), i manager, che dispongono di informazioni più precise sul reale stato di salute dell‟impresa, tendono ad offrire azioni solo quando il mercato le sopravvaluta. Per Ibbotson e Ritter (1995), la decisione di quotarsi costituisce parte del ciclo di vita di un‟impresa, che si rende necessario quando l‟investimento da effettuare sarebbe troppo grande ed illiquido se le azioni non fossero quotate. Analisi passate hanno regolarmente evidenziato una caratteristica o più precisamente “anomalia” comune a quasi tutte le operazioni di quotazione, ovvero l‟IPO underpricing. Tale fenomeno può essere riscontrato ogni qualvolta i prezzi di emissione risultino sistematicamente inferiori ai prezzi rilevati il primo giorno di quotazione. In altri termini, può essere definito come la differenza tra il prezzo di collocamento dei titoli e la quotazione registrata nel periodo immediatamente successivo all'offerta (ossia il primo giorno di contrattazione), al netto della variazione dell'indice di borsa in esame. L'IPO underpricing è un fenomeno comune alla maggior parte dei mercati azionari, sia in quelli “sviluppati” che in quelli “emergenti”, nonostante il suo livello vari da Paese a Paese. I primi studiosi a documentare questa “anomalia” del mercato furono Logue (1973) e Ibbotson (1975): essi riscontrarono un underpricing medio dell'11,4% per gli IPOs condotti negli anni '60 negli USA. Ritter (1984), invece,

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

corporate governance
mercato azionario
ipo
underpricing
quotazione
pricing
initial public offerings
csrc
quota system
pricing cap
contesto cinese
ipo underpricing
ipo underpricing cina
ipo cina
quotazione cina

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi