Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Fotografare l'arte: l'esperienza del fotografo e artista Enrico Cattaneo

Nel corso degli ultimi decenni la fotografia ha dimostrato la propria autonomia ricavandosi uno spazio preciso fra le arti visive.
Al fotografo è stato dato quindi il ruolo di chi, nel ritrarre la realtà, sa cogliere l’essenza che essa cela, cioè di artista.
L’obiettivo principale di questa tesi è l’indagine relativa al rapporto tra arte e fotografia, ossia la relazione di scambio che è avvenuta tra artisti e fotografi nel corso del tempo. In modo particolare si è analizzato il come e il perché la fotografia si sia introdotta sempre più nell’arte, diventando “artistica”, dando occasione al fotografo di diventare “fotografo d’arte”.
In questa ricerca sarà analizzata, nel concreto, la figura del “fotografo d’arte” Enrico Cattaneo.
L’intento specifico di questa seconda parte dello studio è quello di fornire una ricerca di carattere informativo. Manca, infatti, completamente una letteratura specializzata sulla figura di Cattaneo, che consenta di fornire le basi per ulteriori approfondimenti.
Per sviluppare la ricerca ho incontrato personalmente Cattaneo nella sua abitazione – studio nel mese di gennaio del 2011. In questa occasione ho potuto presentargli il tipo di lavoro che intendevo sviluppare chiedendo così la sua disponibilità Nel corso dei successivi incontri ho avuto modo di conoscere più approfonditamente il fotografo, di dialogare con lui e di entrare a conoscenza di tutti, o quasi, gli aspetti della sua figura professionale accresciutasi nel corso della sua esperienza lavorativa a stretto contatto con il mondo dell’arte dalla fine degli anni ’50 a oggi.

Lo studio si compone pertanto di tre capitoli.
Nel primo capitolo si è ritenuto opportuno accennare brevemente al contesto storico-artistico in cui è nata e si è sviluppata la fotografia, analizzando nello specifico l’intreccio delle sue relazioni con l’arte: dalle rivoluzionarie scoperte antecedenti la fotografia, quali la camera oscura; procedendo verso il 1839, anno di presentazione ufficiale della fotografia; fino al panorama artistico degli anni ‘60 - ‘70.

Nel secondo capitolo si è posta l’attenzione sul doppio ruolo della fotografia: quello documentario e quello artistico, sottolineando l’importanza che riveste quest’ultima nel proporre una figura professionale, capace di comunicare e mostrare l’opera senza apporre alcun giudizio critico, come quella del fotoreporter d’arte.
Nella sfera della fotografia d’arte si analizzeranno poi nello specifico tutte le varie tipologie degli “scatti all’arte”, a partire dal genere più vicino alla pittura ossia il ritratto, fino alle foto di gruppo e all’artista immortalato durante la creazione dell’opera, evidenziando alcuni esempi di fotografi di spicco quali Hans Namuth e Ugo Mulas.

Nel terzo capitolo è riportata l’indagine esplorativa sulla ricostruzione – grazie all’incontro diretto e ai cataloghi e le brochure delle mostre – della figura personale e professionale di Enrico Cattaneo, il quale ha avuto modo di lavorare a stretto contatto con le realtà artistiche degli ultimi cinquanta anni in Italia, fotografando vari artisti in diversi contesti e occasioni quali Biennali, inaugurazioni, mostre personali e collettive.
Infine nella parte finale del capitolo viene messo in luce anche il suo ruolo di artista, che lo vede impegnato nella creazione di sculture e nella realizzazione di fotografie artistiche.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Paola Scalise Contatta »

Composta da 106 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1459 click dal 28/02/2012.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.