Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Aspetti giuridici e tecnici delle indagini digitali

La tesi si apre con un capitolo che spiega la nascita e lo sviluppo delle discipline derivate dalla digital forensics, per proseguire con una disamina che affronta i problemi e le soluzioni inerenti le indagini digitali: sia sotto il profilo tecnico (dall'iter acquisitivo alla presentazione in udienza, fino ai metodi seguiti per contrastare le indagini) che dal punto di vista giuridico: dall'ammissibilità delle digital evidence agli strumenti d'indagine, all'analisi di alcune fattispecie di reato particolarmente significative.
Le difficoltà incontrate nella stesura del lavoro riguardano soprattutto la non uniformità della materia e l'assenza di una disciplina universale, che in molti casi non assicura all’indagato il rispetto delle garanzie fondamentali. Il nostro Paese, anche se c’è ancora molto da fare in termini d’impiego di risorse e di formazione del personale, con il recepimento della Convenzione di Budapest ha impresso una svolta alla materia ed è sulla buona strada per conferirle una sistemazione organica e unanimemente condivisa, in modo da affrontare con sempre maggiore incisività la lotta alla criminalità informatica.

Mostra/Nascondi contenuto.
PRESENTAZIONE VII PRESENTAZIONE Il progressivo diffondersi degli strumenti e delle tecnologie digitali ha prodotto l‟inevitabile aumento della criminalità informatica, impegnando il Legislatore nell‟individuazione di nuove figure criminose, il cui insieme ha dato vita ad una nuova categoria di reati: quella dei computer crime o reati informatici. Questa situazione ha comportato la nascita di una nuova disciplina giuridica, che realizza l‟incontro del diritto con l‟informatica: la computer forensics (informatica forense), finalizzata all‟individuazione delle prove nei supporti informatici, ed ha favorito, a livello privato, la nascita di nuove figure professionali, tra le quali spicca quella del cyberdetective (investigatore informatico), mentre a livello pubblico ha indotto gli apparati preposti alla prevenzione e alla repressione dei reati ad apprestare risorse umane e tecnologiche in grado di opporsi con la dovuta efficacia a un fenomeno in costante espansione. Questa attività di contrasto si realizza attraverso una nuova forma d'investigazione: le indagini digitali, oggetto del presente lavoro. Il testo si propone di analizzare l‟argomento sotto un duplice profilo: tecnico e giuridico, ed è articolato in sette capitoli. La trattazione muove dall‟informatica forense, alla quale è dedicato il primo capitolo e di cui le indagini digitali costituiscono il versante operativo, indispensabile ai fini dell‟acquisizione delle prove e quindi all‟accertamento della violazione.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giovanni Palmieri Contatta »

Composta da 192 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3666 click dal 30/01/2012.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.