Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La programmazione e il controllo tra metodologie consolidate e tecniche innovative

Il presente lavoro si articola in quattro capitoli, di cui i primi tre mettono in evidenza la tematica delle previsioni di vendita secondo l’approccio budgetario, ovvero, partendo da una definizione tecnico-dottrinale di previsione economica e spendendo alcune considerazioni circa la funzione (o le funzioni) che l’alta direzione svolge nel quadro delle politiche previsionali e delle strategie aziendali nel complesso. Si è proceduto, pertanto, ad una illustrazione delle modalità di composizione dei budgets commerciali non trascurando gli aspetti “topografici” del budget economico (budget delle vendite quale componente primaria o genetica del budget economico). Il primo capitolo si conclude con la individuazione e la definizione delle varie fasi entro le quali si addiviene alla realizzazione del documento finale.
Il secondo capitolo investe aspetti decisamente più tecnici, passando in rassegna – non prima di aver posto in risalto le difficoltà riscontrabili in sede di scelta - le metodologie economico–quantitative più utilizzate nella realizzazione delle previsioni di vendita (dall’analisi del trend al ciclo di vita del prodotto, all’analisi del mercato).
Il terzo capitolo descrive il momento finale/iniziale dell’intero ciclo di direzione: la fase del controllo. Tale momento, di estrema delicatezza, trova il suo fulcro operativo nell’analisi degli scostamenti, non tralasciando, però, alcuni riferimenti a tecniche squisitamente ragioneristiche quali, l’analisi di bilancio.
Il capitolo quarto esaurisce, solo in parte, purtroppo, le esigenze conoscitive circa le metodologie previsionali applicabili all’ebusiness, attraverso l’illustrazione delle “sole” modalità entro le quali è andato strutturandosi, appunto, il comparto del commercio elettronico, non indicando o non potendo indicare, attesa l’inconsistenza di un’adeguata produzione dottrinale, le metodologie più “aderenti” al nuovo modello di operatività imprenditoriale.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE IV INTRODUZIONE La realtà dell'ambito economico nel quale si muovono le imprese italiane, in particolare le PMI, è ormai sempre più difficile ed impegnativa. Le strategie ed il modo di operare sembrano, infatti, sempre più inadeguate rispetto agli stimoli ed ai vincoli che le imprese, a livello planetario, si trovano di fronte. Anche le PMI italiane, che per molto tempo hanno basato il loro successo più sulla capacità inventiva e di adattamento della classe imprenditoriale e della forza lavoro, nonché su di una politica economica nazionale basata in larga parte sulla svalutazione competitiva della moneta, che su solide basi di cultura d'impresa, intesa nel suo senso più nobile 1 , si trovano ormai a dover fronteggiare sfide fino ad oggi sconosciute. Si tratta di sfide che, almeno per la maggior parte di esse, rendono sempre più evidenti le carenze della vecchia maniera di impostare l'attività gestionale

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Stefano Chines Contatta »

Composta da 212 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4016 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.