Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il citizen Journalism nei rapporti con il giornalismo tradizionale e le istituzioni

Come è cambiato il giornalismo negli ultimi tempi? La svolta dell'online, la presenza di blog e siti dei giornali hanno profondamente modificato il modo di fruire le informazioni. Tuttavia c'è un'altro fattore che stravolge il giornalismo tradizionalmente inteso, è il giornalismo partecipativo o citizen journalism. Il giornalismo fatto da chi non è considerato tale dall'Ordine dei Giornalisti ma che si pone come mezzo altro di informazione. Nella tesi questo aspetto viene relazionato alla figura del giornalista tradizionale e al potere istituzionale, con un particolare interesse per Wikipedia.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione “Chi di voi vorrà fare il giornalista, si ricordi di scegliere il proprio padrone: il lettore.” Indro Montanelli, 12 maggio 1997. La percezione che il mondo del giornalismo stia cambiando, è diventata oramai una certezza. Le cause ed i mezzi del cambiamento sono invece ambigui ed in continua evoluzione, anche se due fattori possono essere considerati i motori del fenomeno. Innanzitutto la tecnologia, che ha permesso l’approdo del giornalismo nel mare mosso del Web, rendendo alcuni aspetti della carta stampata meno importanti e obsoleti. Successivamente il pubblico, il quale ha stravolto il vecchio modo di fare giornalismo, prima offerto generosamente dall’alto della propria professionalità dagli addetti ai lavori, i quali che ora si trovano a fare i conti con cittadini – reporter sempre più tempestivi ed aggiornati. Che si chiami giornalismo partecipativo, citizen journalism o grassroot, un nuovo tipo di giornalismo è nato da Internet e si è concretizzato grazie alla volontà delle persone cosiddette comuni di essere partecipi e protagonisti del processo informativo. Attivi e reattivi, non più segregati nel vecchio ruolo di pubblico, gli utenti hanno cominciato loro stessi a fare informazione, a criticare quella fornita dall’alto, e quindi a ribaltare il rapporto giornalista – lettore. La domanda, allora, che ha spinto la stesura della tesi è: “ Siamo tutti giornalisti oggi?”. È un tema fondamentale per chi, come me, ha intrapreso un percorso di studi, e di fatiche, aspirando ad un lavoro in una testata o in televisione come giornalista. Se ora qualsiasi persona dotata di computer,

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Laura Morelli Contatta »

Composta da 114 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2909 click dal 01/02/2012.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.