Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le prospettive del servizio idrico italiano all'indomani dei referendum abrogativi

Il settore idrico italiano è caratterizzato oggi, da una struttura piena di buchi: buchi nei tubi, la sua dotazione infrastrutturale è obsoleta e datata e fornisce un servizio qualitativamente inferiore rispetto alle aspettative di un grande paese moderno quale l’Italia si vanta di essere; buchi nei bilanci, da cui attingere i 60 miliardi di euro necessari per realizzare gli investimenti messi in programma che lo Stato e la fiscalità non sono più in grado di finanziare; buchi nelle riforme, che assumono sempre più i caratteri di cantieri istituzionali perennemente aperti. Negli ultimi anni, la gente innervosita dalle tariffe che aumentano velocemente e dai risultati che tardano ad arrivare, si è spesso resa facile preda della demagogia e dei “cattivi maestri”, lasciandosi attrarre dagli slogan: su tutti, quello del tormentone tra pubblico e privato che ha accompagnato e condizionato l’avvento e i risultati dei recenti referendum abrogativi. Il dibattito pubblico pre e post referendum infatti, ha spesso dimostrato di non capire alcune differenze fondamentali che stanno alla base della questione: ad esempio quella dell’acqua dai tubi, tra la risorsa e i servizi, tra la natura del bene erogato (l’acqua che sgorga dai rubinetti) con le attività industriali essenziali per erogarla. L’acqua è un bene essenziale, a tutti dovrebbe essere garantito il diritto di accedervi a condizioni economiche non proibitive, il che non comporta che debba essere per forza gratuita, ma semmai che i criteri con cui la risorsa viene allocata e i costi e i benefici distribuiti siano equi, e le tariffe sopportabili per tutti. Gestione dell’acqua pubblica e gestione pubblica dell’acqua non sono la stessa cosa: l’acqua, intesa quale risorsa, è sempre pubblica, indipendentemente dalla modalità di gestione del servizio idrico e affermare l’idea di acqua pubblica, non significa che essa debba essere obbligatoriamente gestita da enti pubblici, né che essa debba essere erogata a spese della fiscalità generale. Si rende essenziale quindi, un sistema di regolazione che stabilisca quali sono i diritti e i doveri di tutti gli attori. Occorre che la società sia complessivamente d’accordo su queste regole e che coloro che devono subirne le conseguenze le accettino di buon grado. Paradossalmente però, oggi la situazione è piuttosto stazionaria. Sono passati ormai 7 mesi dal voto di giugno e nonostante le promesse dei vincitori, nulla è cambiato rispetto alla situazione antecedente al referendum. Così mentre si continua a discutere se le gestioni devono essere pubbliche o private, se le gare siano di destra o di sinistra, se l’acqua sia un bene o un diritto economico, gli italiani continuano ad aprire i loro rubinetti di bagno e cucina, gli investimenti restano al palo, la qualità dei servizi peggiora, con il rischio che chi si ritroverà a pagare il conto saranno i nostri figli e i nostri nipoti.

Mostra/Nascondi contenuto.
Le prospettive del servizio idrico italiano all’ indomani dei referendum abrogativi 6 Introduzione Il settore idrico riveste grande importanza nel nostro panorama nazionale, nell’ambito di diversi aspetti: economico, infrastrutturale e imprenditoriale; non solo in termini di soddisfacimento di bisogni essenziali della collettività ma anche per quanto riguarda la progettazione e il riammodernamento di un sistema di rete che coinvolge una serie di opere diverse presenti sul territorio: impianti di acquedotto, adduzione, captazione, fognatura e depurazione e altro. L’Italia idrologicamente parlando è un paese molto fortunato (grazie alle sue montagne e alla ricchezza di falde e sorgenti) tuttavia, il suo sistema idrico si presenta oggigiorno abbastanza vetusto: possiede una dotazione infrastrutturale obsoleta e datata, e fornisce un servizio qualitativamente inferiore rispetto alle aspettative di un grande paese moderno quale l’Italia si vanta di essere. Nonostante i notevoli sforzi di risorse investite in passato (durati per diversi decenni), i risultati finora conseguiti richiedono un paziente lavoro per la manutenzione, il rinnovo e il completamento degli

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Economia

Autore: Agostino Cacace Contatta »

Composta da 261 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1771 click dal 01/02/2012.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.