Skip to content

I metodi alternativi di risoluzione delle controversie in Francia

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Santangelo
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Trieste
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Mauro Bussani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 242

La parte iniziale della trattazione illustrerà il cammino evolutivo degli strumenti alternativi della soluzione dei litigi in Francia dalle loro origini ai giorni nostri, e mirerà a mettere in luce le ragioni storico-sociali che hanno determinato l’evoluzione degli stessi.
In un secondo momento saranno esaminate le diverse tipologie degli Alternative Dispute Resolution, poiché accanto, alla mediazione e alla conciliazione, che rappresentano quello che può essere definito il nocciolo duro dei metodi alternativi di risoluzione delle controversie, esiste una miriade di declinazioni differenti, più o meno vicine al modello di queste ultime (si pensi, ad esempio, all’Early Neautral Evaluation od al Mini-Trial).
Una volta chiariti i concetti fondamentali e l'evoluzione storica della materia, si presenteranno in dettaglio i méthodes alternatives de règlement des conflits previsti dall’ordinamento francese.
Parleremo dapprima della mediazione e della conciliazione in generale e successivamente esamineremo invece le figure specifiche della mediazione.

Incominceremo da un ambito in cui gli Alternative Dispute Resolution assumono una rilevanza imprescindibile, ossia la materia del diritto di famiglia. L’elevato numero di associazioni dei genitori e di quelle a tutela dei minori ha fatto sì che la Francia sia diventata un cantiere aperto e uno Stato all’avanguardia nella materia del diritto di famiglia; per questa ragione, nel capitolo dedicato alla Mediazione familiare, sì è deciso di approfondire con particolare attenzione questa materia.

Ugualmente interessante è l'istituto del mediatore del credito alle imprese, soggetto incaricato di ascoltare e di mettersi a disposizione delle imprese che si trovano in difficoltà ad accedere al credito. Tale istituto si è sviluppato negli ultimi anni a seguito della attuale congiuntura economica, ma la sua efficienza ed opportunità ha fatto sì che la sua natura da temporanea diventasse semipermanente.

Un altro tema meritevole di un capitolo a se è quello della mediazione dell’acqua: data l’elevata privatizzazione delle imprese che si occupano della gestione dei servizi dell'acqua e della depurazione nel territorio francese, tale particolare tipo di metodo alternativo di risoluzione delle controversie è stato istituito allo scopo di favorire la definizione consensuale delle liti che possono sorgere tra i consumatori e i servizi idrici e di depurazione.

Dopo quest’analisi delle diverse species della mediazione nell’ordinamento francese, l’elaborato approfondisce quello che è il quadro internazionale in cui si colloca la materia degli Alternative Dispute Resolution.
L’impulso di matrice comunitaria ha influenzato notevolmente questa materia nell’ultimo decennio e continua a farlo innovandola e arricchendola di nuovi strumenti, come ad esempio quelli apprestati tramite l'Online Dispute Resolution.

Da ultimo si è voluto esaminare lo svolgimento tipico della mediazione stragiudiziale, il ruolo fondamentale che ricopre il mediatore e le diverse azioni che può compiere al fine di aiutare le parti a trovare una soluzione condivisa.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE <<L’apparato giudiziario francese è considerato sia dai cittadini sia dagli stessi magistrati come lento, costoso, tortuoso e disorganico>> 1 . Questa affermazione è di Gérard Pluyette, Presidente della Prima Sezione della Corte di Cassazione Civile francese. Analogamente Charles Jarrosson, capo redattore di Revue de l’Arbitrage e Professore presso l’Università di Parigi II sostiene che <<i cittadini francesi hanno la sensazione di non essere ascoltati; essi rimproverano ai giudici di non svolgere più alcuna funzione pacificatrice e s’interrogano sulla capacità dello Stato di rendere giustizia>> 2 . Il legislatore francese, allo scopo di migliorare questa immagine dell’amministrazione giudiziaria e al fine di produrre un sistema giudiziario che soddisfi i cittadini, ha deciso di investire molto nello sviluppo degli strumenti alternativi di risoluzione delle liti. Sono la similare percezione che si ha in Italia rispetto al sistema giudiziario 3 e le numerose somiglianze tra i due ordinamenti giuridici, a spiegare perché la pluriennale esperienza francese in materia di Alternative Dispute Resolution merita senz’altro di essere esaminata. Partendo da questi presupposti, il presente elaborato intende fornire un’ analisi dei metodi alternativi di risoluzione delle controversie nell’ordinamento francese. La parte iniziale della trattazione illustrerà il cammino evolutivo degli strumenti alternativi della soluzione dei litigi in Francia dalle loro origini ai giorni nostri, e mirerà a mettere in luce le ragioni storico-sociali che hanno determinato l’evoluzione degli stessi. In un secondo momento saranno esaminate le diverse tipologie degli Alternative Dispute Resolution, poiché accanto, alla mediazione e alla conciliazione, che rappresentano quello che può essere definito il nocciolo duro dei metodi alternativi di risoluzione delle controversie, esiste una miriade di declinazioni differenti, più o meno vicine al modello di queste ultime (si pensi, ad esempio, all’Early Neautral Evaluation od al Mini-Trial). Va detto fin da subito che questo elaborato si occupa dei metodi alternativi di risoluzione delle controversie di tipo non aggiudicativo, anche detti ADR in senso stretto. Non ci si occuperà quindi 1 G. Pluyette, La médiation judiciaire, in Gazzette du Palais, 1998, Sezione Dottrina, p. 702, p. 705. 2 C. Jarrosson, La médiation et la conciliation, in Revue Droit et patrimonie, dicembre 1999, p. 36, p. 39. 3 E. Bruti Liberati - L. Pepino, Giustizia e referendum, Donzelli, Roma, 2000, p. 24.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi