Skip to content

Architettura funeraria nel territorio vetuloniese. Tipologie tombali tra VII e VI secolo a.C.

Informazioni tesi

  Autore: Marcella Boglione
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Luigi Donati
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 139

Il lavoro si concentra in un'analisi sul territorio vetuloniese ed intende proporre una classificazione tipologica delle tombe etrusche attraverso i secoli VII e VI a.C.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 1 INTRODUZIONE 1.1 GEOMORFOLOGIA, RISORSE E OCCUPAZIONE DEL TERRITORIO: breve quadro introduttivo. L’area oggetto di studio è incentrata sul territorio settentrionale di Vetulonia, limitato, a Nord, dalla necropoli dell’Accesa e dal bacino minerario delle Colline Metallifere, a Sud-Ovest dalla necropoli di Val Beretta, ad Est dalla necropoli di Selvello. Quest’area e, più in generale, il territorio di Vetulonia, ha subito nel corso del tempo sostanziali modificazioni da un punto di vista geomorfologico e idrografico, soprattutto relativamente alla presenza, in antico, di corsi d’acqua e bacini lacustri interni in diretto rapporto con il mare. L’odierna piana di Grosseto, osservabile nella sua totalità dalle alture su cui sorgeva l’antica città di Vetulonia, in epoca etrusca era interamente occupata dal Lago Prile, ampio bacino lagunare dotato originariamente di uno o più sbocchi al mare e le cui rimanenze si limitano, ad oggi, al padule della Diaccia Botrona presso Castiglione della Pescaia. Nel periodo preso in considerazione (VII-VI secolo a.C.), le indagini pedologiche 1 presentano il Prile come un’ampia laguna alimentata a NE dall’Ombrone, provvista di una via di comunicazione con il mare a SE tra i rilievi di Poggiale e Pingrosso. Le ricerche individuano il porto di Vetulonia nel tratto di costa tra i Poggetti e Fattoria Badiola, restituendoci quindi l’immagine di un centro marittimo nonostante fosse distante dalla costa una quindicina di chilometri; si può pertanto presupporre che, al pari dei grandi centri dell’Etruria meridionale, la città sviluppò una fiorente attività commerciale. In base alle indagini sopra citate si può stimare che il cambiamento del bacino del Prile e le modificazioni del corso 1 MAZZOLAI 1960, p. 17; G. SCHMIEDT, Il livello antico del mar Tirreno. Testimonianze dei resti archeologici, Firenze, Olschki 1972; CURRI 1978, p. 25, nota 122: vari studi «…propongono la stessa curva di livello di m. 5 come probabile limite dell’antico invaso del Prile». Tuttavia, sempre nella stessa nota: «…si può dire che il livello del lago nei secoli VII-VI a.C. fosse inferiore alla isoipsa di m. 3 o 2,50. Sull’antica sponda settentrionale, dove il Bruna e il Sovata hanno prodotto un costipamento maggiore, l’odierno piano di campagna tocca o supera la quota di m. 5. A indiretto sostegno di queste affermazioni, dato che nel VII-VI sec. a.C. il Prile era in comunicazione con il mare, addurremo che dal III sec. a.C. al I sec. d.C. il livello del Tirreno si è innalzato in media di mm. 1,7 all’anno».

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

tipologie
etruschi
vetulonia
tombe a camera
gavorrano
tombali
vii secolo
vi secolo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi