Skip to content

I rapporti di lavoro negli enti di ricerca della Provincia Autonoma di Trento

Informazioni tesi

  Autore: Elisabetta Pisani
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Trento
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Luca Nogler
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 61

Il presente lavoro è nato dalla necessità di capire meglio e di approfondire le tematiche tipiche del rapporto di lavoro dei ricercatori pubblici della Provincia Autonoma di Trento. La scelta di concentrare l’analisi sul contesto trentino è motivata anche dal fatto che la disciplina del rapporto di lavoro negli enti di ricerca assume nel suddetto ambito provinciale una connotazione particolare rispetto alle altre Regioni italiane. Infatti, la Provincia Autonoma di Trento gode a riguardo di una competenza legislativa primaria che le permette di organizzare in modo indipendente il proprio personale e di istituire enti di ricerca dotati di profili programmatici precipui. Nel primo capitolo sono state esaminate le fonti che regolano il rapporto di lavoro dei ricercatori pubblici nell’ordinamento italiano: l’attenzione è stata posta in modo particolare sul ruolo che la privatizzazione ha avuto nei confronti di tale rapporto, rendendolo sempre più assimilabile a quello di un ricercatore del settore privato. E’ stato messo in luce, inoltre, come la suddetta riforma non si applichi tuttavia all’intero settore della ricerca pubblica, poiché le Università sono rimaste escluse per poter coordinare al meglio la privatizzazione con una serie di provvedimenti in itinere in tema di autonomia universitaria e di status giuridico dei professori e dei ricercatori (universitari ovviamente). Nel secondo capitolo sono state analizzate le peculiarità che caratterizzano la disciplina del rapporto di lavoro dei ricercatori pubblici: in primo luogo, ci si è concentrati particolarmente sul vincolo della subordinazione, che si manifesta in modo leggermente diverso da come stabilisce la fattispecie astratta. In secondo luogo, si è dato spazio all’esame di alcuni rapporti atipici c. d. flessibili propri del settore privato di cui beneficiano gli enti di ricerca: le collaborazioni coordinate e continuative, rapporti di lavoro autonomo, ed i rapporti di lavoro a tempo determinato, che seguono la disciplina dettata per il rapporto subordinato. In terzo luogo, infine, si è affrontato il tema delle attività inventiva e creativa, le quali si manifestano attraverso la realizzazione di invenzioni brevettabili ed opere dell’ingegno: il legislatore ha la competenza di stabilire a chi debbano spettare i diritti morali e patrimoniali, scaturenti dalle suddette invenzioni ed opere.Nel terzo capitolo, infine, si è preso in considerazione il rapporto di lavoro negli enti di ricerca della Provincia Autonoma di Trento: dopo aver esaminato la competenza legislativa primaria di cui gode la suddetta Provincia in tema di organizzazione del proprio personale e in materia di istituzioni culturali, ci si è soffermati sull’analisi dei principali istituti giuslavoristici nel contesto della ricerca pubblica trentina. Infine si è analizzato il recente disegno di legge sulla riforma della ricerca presentata in Consiglio Provinciale, il quale dovrebbe portare dei significativi cambiamenti nell’ambito della ricerca pubblica trentina: gli enti verrebbero trasformati in fondazioni di diritto privato e, a loro volta, i rapporti di lavoro dei ricercatori verrebbero regolati non più da un contratto di lavoro pubblico privatizzato, bensì privato tout court.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 CAPITOLO PRIMO LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO DEI RICERCATORI PUBBLICI NELL’ORDINAMENTO ITALIANO. 1. Premessa. L’ordinamento italiano ha essenzialmente due tipologie di ricercatori, a seconda del diverso datore di lavoro da cui dipendono. In primo luogo, i ricercatori possono lavorare alle dipendenze di un’ impresa privata: in questo caso il loro rapporto di lavoro seguirà la disciplina tipica del lavoratore subordinato dettata dal codice civile per i lavoratori che prestano il lavoro alle dipendenze e sotto la direzione dell’imprenditore, inteso come soggetto privato. In secondo luogo, la categoria dei ricercatori può svolgere la sua professione per un soggetto pubblico, che a sua volta potrà essere un’Università o un ente pubblico di ricerca. 1 Nel presente capitolo si affronterà la questione delle fonti che disciplinano il rapporto di lavoro dei ricercatori appartenenti alla seconda tipologia, ossia di coloro i quali lavorano alle dipendenze di un soggetto pubblico: si porrà l’attenzione in modo particolare prima sui lavoratori degli enti di ricerca, i quali, come la maggior parte dei lavoratori del settore pubblico, hanno subìto nell’ultimo decennio un processo di privatizzazione; dopodiché si analizzeranno le fonti che regolano il rapporto di lavoro dei ricercatori dell’Università. 1 M. BORZAGA, Ricerca scientifica pubblica, trasferimento tecnologico e proprietà intellettuale: i rapporti di lavoro, in corso di pubblicazione in R. CASO (a cura di), Ricerca scientifica, trasferimento tecnologico e proprietà intellettuale, p. 4 ss. del dattiloscritto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi