Skip to content

Le alterazioni dei ritmi circadiani nel disturbo bipolare

Informazioni tesi

  Autore: Roberta Fiorini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Psicologia
  Corso: scienz e tecn psicologiche valutazion clinica infanzia-adolescenza-famiglia
  Relatore: Roberto Tatarelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 33

Il mondo in cui viviamo oggi è un mondo caratterizzato da un susseguirsi di cambiamenti. Noi stessi siamo il risultato dei cambiamenti e delle scoperte fatte dalle generazioni passate.
La scoperta che ha influito di più sul nostro stile di vita, è anche una delle più antiche: la luce artificiale. Non parliamo necessariamente di luce elettrica (risalente al periodo della rivoluzione industriale), ma alla possibilità in sé di poter vedere dopo il calar del sole anche solo attraverso l’uso di una torcia o di una lanterna.
Prima che l’uomo primitivo scoprisse il fuoco, viveva adattandosi ai ritmi naturali del ciclo solare giornaliero, vivendo solo le ore di luce e dormendo nelle ore buie, dal calar del sole all’alba, per un totale di circa 10 – 12 ore. Successivamente l’uomo civilizzandosi, ha accorciato il proprio sonno, grazie alla possibilità data dalla luce di restare sveglio anche nelle ore notturne, avendo così più tempo da dedicare al lavoro e allo svago.
Questo vantaggio però ha il suo prezzo: l’orario in cui ci si addormenta viene posticipato, e questo fa si che il sonno diminuisca spesso di diverse ore, in quanto la mattina, per necessità di lavoro o scolastiche, si è comunque costretti ad alzarsi molto presto. Questa diminuzione delle ore di sonno causa diversi disagi al nostro organismo. Esso infatti presenta delle oscillazioni funzionali del periodo di 24 ore, in sintonia con i movimenti della Terra intorno al Sole, detti ritmi circadiani. Quest’ultimi riguardano non solo il sonno e la veglia, ma anche le principali funzioni dell’organismo come la temperatura corporea, i battiti cardiaci, la pressione arteriosa e la secrezione ormonale. Esistono poi degli “indicatori” (Zeitgebers) che invece aiutano l’uomo ad adattarsi al ritmo giorno-notte, mantenendo un ciclo di attività di 24 ore. Alcuni esempi sono l’alternanza di luce/buio, le variazioni della temperatura dell’aria e la presenza di rumore o silenzio.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Il mondo in cui viviamo oggi è un mondo caratterizzato da un susseguirsi di cambiamenti. Noi stessi siamo il risultato dei cambiamenti e delle scoperte fatte dalle generazioni passate. La scoperta che ha influito di più sul nostro stile di vita, è anche una delle più antiche: la luce artificiale. Non parliamo necessariamente di luce elettrica (risalente al periodo della rivoluzione industriale), ma alla possibilità in sé di poter vedere dopo il calar del sole anche solo attraverso l’uso di una torcia o di una lanterna. Prima che l’uomo primitivo scoprisse il fuoco, viveva adattandosi ai ritmi naturali del ciclo solare giornaliero, vivendo solo le ore di luce e dormendo nelle ore buie, dal calar del sole all’alba, per un totale di circa 10 – 12 ore. Successivamente l’uomo civilizzandosi, ha accorciato il proprio sonno, grazie alla possibilità data dalla luce di restare sveglio anche nelle ore notturne, avendo così più tempo da dedicare al lavoro e allo svago. Questo vantaggio però ha il suo prezzo: l’orario in cui ci si addormenta viene posticipato, e questo fa si che il sonno diminuisca spesso di diverse ore, in quanto la mattina, per necessità di lavoro o scolastiche, si è comunque costretti ad alzarsi molto presto. Questa diminuzione delle ore di sonno causa diversi disagi al nostro organismo. Esso infatti presenta delle oscillazioni funzionali del periodo di 24 ore, in sintonia con i movimenti della Terra intorno al Sole, detti ritmi circadiani. Quest’ultimi riguardano non solo il sonno e la veglia, ma anche le principali funzioni dell’organismo come la temperatura corporea, i battiti cardiaci, la pressione arteriosa e la secrezione ormonale. Esistono poi degli “indicatori” (Zeitgebers) che invece aiutano l’uomo ad adattarsi al ritmo giorno-notte, mantenendo un ciclo di attività di 24 ore. Alcuni esempi sono l’alternanza di luce/buio, le variazioni della temperatura dell’aria e la presenza di rumore o silenzio. In assenza di Zeitgebers, ad esempio in condizione di isolamento, tutti i mammiferi mantengono le abitudini proseguendo con i ritmi appresi ma con cicli meno regolari, variando da 24-25 ore fino a periodi di anche 30-36 ore, detti ritmi a corsa libera. Il ritmo sonno-veglia è accompagnato dalle oscillazioni circadiane della temperatura corporea e delle secrezioni ormonali. La temperatura infatti oscilla di 0,5-1 gradi ogni 24 ore raggiungendo picchi più alti nel pomeriggio e più bassi durante la notte. Il sonno inizia quando la temperatura corporea diminuisce e termina quando essa aumenta. Se venisse posticipato dalla notte al mattino, avrebbe inizio proprio nella fase di aumento della temperatura corporea. Di conseguenza i ritmi sonno-veglia e quelli della temperatura vengono desincronizzati, deteriorando così la qualità del sonno e il benessere al risveglio. Alterazioni dei ritmi circadiani sono osservate spesso in concomitanza di disturbi psichiatrici, soprattutto nei Disturbi dell’Umore.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bipolarismo
social
disturbo bipolare
therapy
ritmi circadiani
sonno-veglia
disturbi del sonno
zeitgebers
alterazioni ritmi
ipsrt
interpersonal
rhythm
psicoeducazione
cronobiologiche
light-therapy
dark-therapy
privazione sonno
sd

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi