Skip to content

La mediazione culturale in Italia: il caso dell'Ospedale San Gallicano di Roma

Informazioni tesi

  Autore: Serena Prosperi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Teramo
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze della comunicazione sociale e istituzionale
  Relatore: Domenico Carrieri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 137

Le migrazioni non sono un fenomeno recente, poiché segnano tutta la storia dell’umanità, eppure attualmente occupano un posto rilevante nelle società contemporanee.
Le migrazioni sono un fenomeno sociale complesso, che si può definire attraverso due dimensioni principali: l’emigrazione, che riguarda il contesto di origine del migrante e il processo di mobilità, e l’immigrazione, che guarda al percorso di inserimento nella società d’accoglienza.
Il mio lavoro si incentra sulle dinamiche di inserimento nella società d’accoglienza: la diversità culturale infatti produce effetti destabilizzanti sugli equilibri sociali e ha come conseguenza la conflittualità, o comunque una situazione di tensione.
La conflittualità può essere attenuata grazie a pratiche sociali e ad attori capaci di costruire il dialogo e la comunicazione tra persone appartenenti a culture diverse. L’attenzione alla dimensione comunicativa del dialogo è uno dei fattori più determinanti nella nascita di un recente intervento sociale: la mediazione culturale.
La scelta di focalizzarsi sulla mediazione culturale vuole essere un modo per analizzare una pratica di sostegno all’inserimento sociale delle popolazioni migranti. Il mediatore culturale è una figura-ponte che avvicina il migrante alla società di accoglienza, rendendo possibile la fruizione di un servizio da parte del migrante. Il migrante ottiene la risposta al suo bisogno (di salute, scolastico, giudiziario, ecc.) attraverso l’opera svolta dal mediatore culturale.
La pratica di mediazione culturale non presenta definizioni omogenee nelle politiche migratorie: vedremo infatti che le Istituzioni incaricate di definire le pratiche e il ruolo del mediatore sono le Regioni.
Tra le aree di intervento in cui opera il mediatore culturale, la mia scelta è ricaduta sull’ambito sanitario per la capacità di tale servizo di assistere l’immigrato nell’esercizio di un diritto fondamentale: il diritto alla salute e quindi, alla vita. Inserire la figura del mediatore culturale nei servizi socio-sanitari vuol dire considerare il fenomeno migratorio come irreversibile e permanente. Il riconoscimento della figura del mediatore culturale ha permesso, inoltre, la sperimentazione di nuovi modelli di intervento a favore dei migranti, in una prospettiva di integrazione e riconoscimento delle differenze culturali.
Il case study che ho analizzato ha sperimentato un valido servizio di mediazione culturale, che merita di essere approfondito, valorizzato e applicato anche in altre strutture sanitarie.
Il mio lavoro è diviso in tre parti: Immigrazione, Mediazione, Esperienze di mediazione.
La prima parte presenta le principali tendenze che caratterizzano i processi migratori a livello europeo e italiano. Nel Capitolo 1 sono presentati i principali modelli di integrazione che si sono affermati in Europa, in relazione ai Paesi nei quali, storicamente, questi modelli sono stati attuati: Francia, Germania, Gran Bretagna e Olanda. Nel Capitolo 2 sono presentate le principali caratteristiche che regolano il fenomeno migratorio italiano e, di conseguenza, le politiche di integrazione degli stranieri sul territorio.
La seconda parte propone una chiave di lettura della mediazione culturale e un approfondimento sulla figura del mediatore. La mediazione è studiata in rapporto ai principali contesti di lavoro (ambito sanitario, prima accoglienza, ambito scolastico) e alle problematiche che derivano dalla mancanza di riconoscimento professionale della figura del mediatore culturale: vedremo infatti, nel corso della tesi, che non esistono definizioni omogenee riguardo la figura del mediatore culturale, il suo ruolo e il suo percorso formativo.
Nella terza parte la mediazione culturale è analizzata in rapporto al contesto socio-sanitario e alle problematiche legate all’assistenza sanitaria ai pazienti stranieri. Nella mediazione culturale l’ambito di riferimento è caratterizzante: le competenze e la sensibilità richiesta a un mediatore culturale variano a seconda del contesto nel quale la mediazione è richiesta. Il contesto socio-sanitario è l’area di intervento più delicata per il mediatore, che non si occupa in questo caso solo di un servizio, ma della vita stessa delle persone: il fallimento della mediazione non determinerebbe soltanto un allontanamento dal servizio da parte del paziente immigrato, ma anche un fallimento della pratica medica.
Nell’ ultimo capitolo presenterò un case study che si è rivelato molto efficace per quanto riguarda la mediazione culturale in ambito sanitario: è il caso del Reparto di Medicina preventiva delle Migrazioni presente all’interno dell’Istituto Scientifico San Gallicano (IRCCS) di Roma.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi