Skip to content

Apple Inc. oltre Steve Jobs

Informazioni tesi

  Autore: Margarethe Nitzsche
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Comunicazione d'impresa
  Relatore: Franco Guzzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 192

Il 5 ottobre 2011 rimarrà certamente impresso nella memoria collettiva come il giorno in cui l’umanità ha perso un’icona e il settore dell’high tech il proprio guru. Il dolore planetario per la scomparsa di Steve Jobs è infatti paragonabile, nei miei ricordi di Millennial, solo alla tragica fine di Lady Diana.

Enfant terrible della Silicon Valley, Steve Jobs ha fondato e diretto con successo due aziende – Apple e NeXT Computers – e ne ha acquisita una terza, la Pixar Animation. Cacciato dalla prima, ha fondato la seconda e ha rilevato la terza, per poi tornare in Apple grazie al sistema operativo creato da NeXT. E’ stato definito un genio, un visionario, il Leonardo Da Vinci della nostra epoca; è stato amato e odiato, accusato di opportunismo e venerato come un semi-dio, ma ciò che va sottolineato è che questo sia avvenuto, per la prima volta nella Storia, in seguito alla scomparsa di un imprenditore.

Negli ultimi tempi ho sentito diverse lamentele riguardo all’importanza attribuita a Steve Jobs, ad Apple Inc. e alla genialità dei prodotti che nell’arco di oltre un trentennio sono scaturiti da questo rapporto simbiotico – non lo si potrebbe definire altrimenti. Probabilmente Steve Jobs non ha inventato nulla: non era un informatico, non era laureato, non sapeva disegnare – la lista sarebbe lunga. La sua genialità stava nell’abilità di ricombinare elementi già esistenti in qualcosa di nuovo o nel riuscire a guardare avanti, senza curarsi di ciò che poteva ostacolare il cammino verso il dispositivo che aveva immaginato.

Questa tesi non vuole però essere un elogio di Steve Jobs e della sua capacità imprenditoriale, ma una breve panoramica dell’importanza della leadership per la reputazione dell’impresa e per il suo successo. Nulla di tutto questo sarebbe stato possibile, infatti, se Jobs non avesse avuto alle spalle un’azienda – la sua azienda – forte e solida ma, al tempo stesso, rapida e flessibile. Apple Inc. è stata forgiata secondo i suoi canoni e a sua immagine e quando egli ne è stato allontanato, nel 1985, si è avviata verso una fase di declino; ma nel 1997 egli è riuscito a tornare e l’ha salvata.

Tutto il mondo si chiede cosa succederà ora che Steve Jobs non c’è più. Che ne sarà di Apple? Tim Cook sarà capace di mantenerla solida come Jobs l’ha resa negli ultimi anni? L’intento di questa tesi è proprio quello di delineare dei possibili scenari post-Jobs, muovendo dalla leadership e dall’azienda.

Nel primo capitolo mi occuperò del concetto di leadership e della cultura organizzativa, i due pilastri sui quali Jobs ha fondato Apple. Percorrerò le teorie della leadership dagli Anni Quaranta a oggi, trattando in particolare della leadership carismatica e della leadership visionaria – le due teorie che più si avvicinano allo stile direttivo di Steve Jobs.

Nel secondo capitolo analizzerò il rapporto particolare che lega Jobs all’azienda di Cupertino, cominciando con la storia dell’azienda per poi chiedermi come questa funzioni davvero. Analizzerò quindi elementi importanti quali immagine, reputazione, mission, vision e così via, fino a giungere nuovamente alla cultura organizzativa stessa. Studierò poi i tratti unici e distintivi di Jobs, insiti nell’azienda: focalizzazione, dispotismo, perfezionismo, elitismo, passione e inventiva.

Nel terzo capitolo solleverò la questione più spinosa, cioè la vita in Apple dopo la scomparsa di Steve Jobs: l’azienda e il suo fondatore coincidono o essa può sopravvivergli? Analizzerò quindi le mosse di Steve Jobs nel preparare l’azienda alla sua scomparsa e il suo successore nel ruolo di CEO: Tim Cook.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Il 5 ottobre 2011 rimarrà certamente impresso nella memoria collettiva come il giorno in cui l’umanità ha perso un’icona e il settore dell’ high tech il proprio guru. Il dolore planetario per la scomparsa di Steve Jobs è infatti paragonabile, nei miei ricordi di Millennial , solo alla tragica fine di Lady Diana. Per tutta la giornata – ma anche nei giorni success ivi – si è assistito a un’interminabile processione di ammiratori davanti alla residenza del CEO storico di Apple Inc. e davanti agli Apple Stores di tutto il mondo, dov e sono stati lasciati fiori, messaggi di ringraziamento, m ele morsicate 1 e prodotti Apple accesi sulla homepage dell’azienda. 2 Quest’ultima, infatti, ha voluto rendere omaggio al proprio fondatore sostituendo al la solita schermata iniziale una sua foto in bianco e nero, corredata d elle date di nascita e di morte. 3 Le maggiori cariche politiche dei Paesi occidentali hanno rilasciato dichiarazioni di cordoglio per la perdita di una me nte brillante; fra tutte spicca quella di Barack Obama, presidente degli Sta ti Uniti d’America: The world has lost a visionary. And there may be no greater tribute to Steve’s success than the fact that much of the world learned of his passing on a device he invented. 4 1 La mela morsicata, inizialmente dei colori dell’ir ide e dal 1997 interamente bianca o trasparente, è da sempre il logo di Apple Inc. 2 Apple Inc. Ultimo accesso 16 ottobre 2011, http:// www.apple.com . 3 1955 - 2011 4 “Il mondo ha perso un visionario. E non vi può esse re tributo maggiore al successo di Steve del fatto che gran parte del mondo ha appreso della sua scomparsa su un dispositivo da lui inventato.” – “President Obama on the Passing of Steve Jobs: ‘ He changed the way each of us sees the world’”, The White House Blog , 5 ottobre 2011, ultimo accesso 11 dicembre 2011,

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi