Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Caratterizzazioni comportamentali di modelli animali affetti da Iperfenilalaninemia

Il presente lavoro ha come obiettivo principale la creazione di modelli animali delle diverse forme di iperfenilalaninemia per la sperimentazione di nuove terapie farmacologiche. L’iperfenilalaninemia è la condizione più lieve di PKU, caratterizzata da un modico aumento dei livelli di Phe nel sangue, precisamente si tratta di un aumento che si aggira dai 2 agli 8 mg/dl. Il modello murino genetico di riferimento per la PKU classica, quindi la forma grave e non trattata con Phe superiore ai 20 mg/dL, è il topo ENU2, ma per le altre forme di iperfenilalaninemia, ovvero la condizione di quei pazienti che non aderiscono completamente alla dieta, non ci sono modelli animali di riferimento. Gli esperimenti condotti hanno permesso la creazione di nuovi modelli murini di iperfenilalaninemia allo scopo di indagare i deficit cognitivi e comportamentali phe-indotti.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE La fenilchetonuria (PKU) è definita come un disturbo metabolico ereditario causata da alterazioni nel gene che codifica per l’enzima fenilalanina idrossilasi (Pah). Questo enzima, principalmente presente nel fegato, è responsabile del metabolismo della fenilalanina (Phe), un amminoacido presente nelle cellule di tutti gli esseri viventi. Nella PKU l’enzima non funziona in maniera corretta, la Phe non viene trasformata in tirosina e si accumula nei tessuti, provocando danni all’organismo (Fig.1). Figura 1: trasformazione della fenilalanina in tirosina. Immagine tratta da www.lacellula.net La Phe in eccesso nel sangue diventa altamente tossica per il cervello, interferendo con il normale sviluppo del sistema nervoso. Le conseguenze più gravi si hanno sullo sviluppo del sistema nervoso centrale: al ritardo mentale si associano spesso manifestazioni di tipo neurologico (ipercinesia, epilessia). Il blocco nello sviluppo delle normali funzioni cerebrali è infatti accompagnato da ritardo psichico, linguaggio caratterizzato da emissione di suoni e urla, privi di significato, possibilità di sviluppare epilessia, aggressività o, in alcuni casi, autismo (Meli, 2009). A livello cutaneo è presente la caratteristica pigmentazione chiara (capelli biondi ed occhi azzurri). In alcuni casi la PKU è causata dalla mancanza di tetraidrobiopterina (BH4), un cofattore essenziale per l'enzima, o dall'incapacità di rigenerarlo. 3

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Psicologia

Autore: Elena Ilaria Capuano Contatta »

Composta da 69 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 681 click dal 06/03/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.