Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Trattamento dell'emesi in chemioterapia ''Granisetron''

Trattamento dell'emesi in chemio e radioterapia con il Granisetron, un antagonista selettivo del recettore serotoninergico 5-HT3 e confronto con terapia tradizionale.

Mostra/Nascondi contenuto.
11 § 1. Prospetto delle proprietà farmacologiche 1.1 Proprietà antiemetiche Nel paziente oncologico sottoposto a chemio- e/o radioterapia, nausea e vomito sono effetti indesiderati molto frequenti e da non sottovalutare visto che possono portare alla riduzione del dosaggio, all’abbandono da parte del paziente della terapia antiblastica, oppure al vomito anticipatorio con i successivi cicli di chemioterapia. Di conseguenza, il controllo di questi effetti collaterali può essere importante per il successo delle terapie antineoplastiche. Vi sono tre tipi di emesi provocata da terapia citotossica: acuta, ritardata e anticipatoria (tabella I). Tabella I. Definizioni e caratteristiche dei differenti tipi di risposte emetiche alla terapia citotossica. L’emesi anticipatoria ha una componente psicologica e può essere indotta da stimoli come il pensiero di una ulteriore terapia citotossica o dall’attesa in ospedale. Comunque, la sua correlazione con episodi emetici precedenti enfatizza il bisogno di eliminazione o riduzione della sindrome acuta [Andrews PRL e Blower PR,1993]. La profilassi parenterale o la somministrazione orale del Granisetron (Figura 1) riduce l’incidenza di nausea e vomito indotti da una terapia citotossica (compresa l’alta emeticità del cisplatino) o previene completamente questi sintomi ed è un efficace terapia d’intervento dove l’emesi è già in atto. Il Granisetron è efficace anche nella prevenzione e nel trattamento dell’emesi indotta da radiazioni Emesi acuta Entro 24 dalla somministrazione della terapia Emesi ritardata Segue la fase acuta e può verificarsi 24 ore dopo la chemioterapia. Può persistere fino ad una settimana dopo il trattamento e generalmente è meno severa dell’emesi acuta Emesi anticipatoria Può verificarsi prima del trattamento dei cicli di chemioterapia successivi al primo. E’in relazione prevalentemente alla prima esperienza di nausea e vomito indotta dalla terapia citotossica

Tesi di Laurea

Facoltà: Farmacia

Autore: Raniero Impagliatelli Contatta »

Composta da 77 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1268 click dal 24/02/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.