Skip to content

Il reato di danneggiamento informatico dalla legge 547/1993 alla legge 48/2008

Informazioni tesi

  Autore: Tiziano Gigliuto
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi del Piemonte Orientale A.Avogadro
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Informatica Giuridca
  Relatore: Lucia Scopinaro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 48

La tesi illustra l'evoluzione nel tempo di alcune norme in ambito di danneggiamento informatico e l'inserimento di altre norme nello stesso ambito, partendo dall'introduzione della fattispecie stessa nel codice penale nel 1993.
Analizzando la nuova normativa ci si accorge subito che il legislatore ha inteso tutelare in maniera più specifica, rispetto a quello che aveva fatto introducendo la normativa del 1993, i dati informatici e i sistemi informatici, punendo il loro danneggiamento con pene diverse (più miti nel caso di danno ai dati, più severe nel caso di danno ai sistemi) e ha ridefinito l'ambito della tutela penale inserendo nelle nuove norme condotte più specifiche di danneggiamento informatico, perché più aderenti a quella che è la realtà digitale, (es. la cancellazione dei dati) al posto di altre condotte più generiche (es. il rendere inservibili i dati) presenti nella normativa del 1993, che trovano la loro origine nel danneggiamento tradizionale. Per quanto riguarda, invece, le due norme in materia di danneggiamento di dati e sistemi di pubblica utilità, introdotte dalla riforma, ci si accorge che in realtà esse non sono altro che norme che puniscono condotte che attentano all'integrità degli stessi (delitti di attentato) pur essendo state collocate nell'ambito dei reati contro il patrimonio e che il fatto di danneggiamento vero e proprio in questo caso è punito a titolo di aggravante.
Ad avviso di chi scrive lo scorporo di queste due condotte dall'art. 420 c.p. e la loro collocazione, operata dal legislatore, tra le norme a tutela del patrimonio, è risultata essere di inutile in quanto le norme in questione sono rimaste invariate sia a livello di formulazione della fattispecie che a livello di sanzione edittale e di conseguenza non c'è stata di fatto innovazione legislativa. Tuttavia, occorre ricordare per concludere, e questo punto è ampiamente condiviso anche da chi scrive, che il diritto penale debba essere strumento di tutela dei beni dalle aggressioni che appaiono maggiormente aggressive e cariche di disvalore sociale e che per questo motivo il legislatore stesso, in modo analogo a quanto fatto nell'ambito del delitto di danneggiamento ordinario, continui a non sanzionare penalmente le ipotesi colpose di danneggiamento informatico lasciando ad altre branche del diritto (privato e amministrativo) il compito di trovare le soluzioni alle eventuali controversie che sorgano in merito.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE DEL DANNEGGIAMENTO INFORMATICO Il danneggiamento informatico è stato introdotto, insieme ad altre fattispecie, nel codice penale, mediante l'articolo 9 della legge 547 del 23 dicembre 1993 ed è stato di recente modificato e ampliato dall'art. 5, comma 1, della legge 48 del 18 marzo 2008. Attraverso il provvedimento del 1993 si è dato vita, all'interno del nostro ordinamento penale, al primo nucleo di tutela specifica nei confronti di un ventaglio di beni che compongono o attengono alla realtà informatica, siano essi beni materiali (in genere i componenti degli elaboratori e dei sistemi informatici) o digitali (programmi, sistemi operativi e banche dati contenuti negli elaboratori e sistemi informatici stessi). In questa prospettiva, oltre al reato di “danneggiamento di sistemi informatici e telematici” (art. 635 bis c.p.) 1 , il legislatore ha delineato una serie di figure di reato che sono state introdotte o modificate, laddove già preesistenti, dalla stessa legge 547/1993: si trattava del reato di esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza sulle cose (art. 392 c.p.), del reato di violazione, sottrazione e soppressione di corrispondenza informatica (art. 616 c.p., 4° comma), del reato di attentato a impianti di pubblica 1 La rubrica del reato era diversa, rispetto a come è oggi, perché, come vedremo, era diverso il campo di applicazione della norma stessa. 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

danneggiamento informatico
legge 547 1993
convenzione di budapest
danneggiamento sistemi informatici
sentenza cassazione 1282/96
danneggiamento di dati informazioni e programmi
danneggiamento di sistemi informatici e telematici
art. 635 bis c.p.
art. 635 ter c.p.
art. 635 quater c.p.
art. 635 quinques c.p.
danneggiamento programmi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi