Skip to content

Oltre gli orizzonti del senso: l'avanguardia Punk nella società degli anni Settanta

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Lombardi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Macerata
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue e Letterature Straniere
  Relatore: Sauro Fabi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 297

Nell'anno 1977, nel bel mezzo delle crisi che attanagliano le società d'Occidente – ognuna con le sue sfumature – , la singolare reazione Punk esplode per le strade di quelle stesse città, con una “nuova” forma di rivolta di massa: assai diversa da quella che aveva caratterizzato quella di appena dieci anni prima (“Il Sessantotto”). Una rivolta “superstrutturale”: giocata non su un piano politico-ideologico, ma sul piano dei “segni” sociali.
Il mio lavoro segue l'evoluzione di quel fenomeno sotto un profilo interdisciplinare, abbracciando svariati settori di studio: linguistico-filologico, antropologico, filosofico, culturale o artistico.
L' origine di quest'atteggiamento lo vado a cercare nelle condizioni emergenti delle società civili in questo momento storico. Proprio in quegli anni molte voci si avvicendano a denunciare la nascita di una “nuova società”(Marcuse) sempre più orientata verso il mercato dell'immagine e la materializzazione semiotica dell'esistente.
In quegli stessi anni i “miti” che sorreggono le culture d'occidente da più parti iniziano a crollare, le istituzioni perdono credibilità insieme alle “metanarrazioni”(Lyotard) , e i linguaggi non hanno più il potere tradizionale di “significare” la realtà agli occhi di una parte crescente di popolazione.
Il Punk animato dalla consapevolezza che “there 's no future”, trasportava in vita quell'idea già latente nella cultura decadente della seconda metà del novecento, secondo la quale “niente è vero, tutto è permesso” (W. Burroughs).
Partendo dal basso, e al ritmo di “tre accordi che chiunque è in grado di suonare” costituirà un proprio sistema – di comunicazione, di produzione, di linguaggi... – ed esprimerà una propria visione della realtà andando a rivelare al contempo nuove sensibilità in auge nei nuovi giovani: sensibilità “trasversali a cose come la classe, la razza, il genere sessuale” (Bangs, 358).
Da qui, da questo “rifiuto”, una “nuova occidentalità” emerge dalle rovine stesse del contemporaneo, che fa della propria “im-perfezione” il proprio motivo d'orgoglio.
Seguo l'evolversi di quel “nuovo ordine” sin dalla sua nascita, dalla penombra della accecante luminescenza da “American Dream”, cercando di individuare (anche attraverso esplorazioni in altri ambiti - in Musica, in Arte, nel Cinema - o anche analizzando delle possibili influenze da parte di altre culture, eccetera) i vari passaggi che hanno favorito l'emersione e la diffusione di quella cultura giovanile.
Provo a cogliere i flussi di quel moto sotterraneo ma costante, che si diffonde dall'uno all'altro polo dell'oceano - in quello che è considerato da molti come uno dei più importanti momenti di scambio tra il vecchio e il nuovo mondo nell'ultimo secolo - fino alla sua venuta in superficie, nel Regno Unito degli anni Settanta. Qui, questo tipo di rivolta – il punk e la sua “guerriglia semiotica”(Eco) – sortirà un effetto esplosivo senza precedenti in contatto chimico con una società estremamente legata ai suoi simboli, soprattutto in uno dei più instabili momenti di crisi: economica, sociale, e di identità.
“Il loro fine non era la trasformazione della società”, ha detto qualcuno, ma “l'apertura di spazi desideranti dentro e contro quelli esistenti”. Vedremo come proprio queste "aperture" andranno a scombinare, pur per un breve lasso di tempo, le gerarchie sistemiche nella percezione sociale, ed è noto che gli effetti che ne seguiranno modificheranno radicalmente gli orizzonti della musica e della cultura Pop a seguire.
Anche oggi risulta difficile calcolare la portata dei mutamenti indotti da quel momento.
Cercando di adottare uno sguardo mai statico provo a far dialogare presente-passato-futuro, tenendo conto soprattutto del fatto che oggi siamo ancora dinnanzi alle stesse questioni di allora: oppressione, fuga, creatività, desiderio, etica, differenza, uguaglianza, sessualità, identità... e, non ultimo, realtà.
Anche perciò tutt'oggi il Punk si presenti fluido, sfuggente, multiforme e inquietantemente attuale, e ad'oggi, esercita un fascino ancestrale su molti.
Chiunque sarà interessato a leggere questo lavoro, mi scuserà pertanto se esso si limita a suscitare domande, piuttosto che fornire risposte...

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO 1: UN BREVE SGUARDO TRA IL MODERNO E IL POST -MODERNO : 1.1: Introduzione al discorso Postmoderno Dirt behind the daydream (Gang of Four 1 , 1979) L'oggetto di questo lavoro pone le radici in un'epoca storica di grandi mutamenti interni alle società occidentali. Quei mutamenti che, proprio a partire da quegli anni Settanta semineranno nichilismo diffuso in Occidente, e che faranno pensare a molti autori a un “ingresso” in una nuova era della storia della Western Culture , che sarà definita Post-Moderna . Mutamenti tutt'oggi in corso. Va detto, come premessa, che il termine “Post-Moderno” che si incontrerà spesso in queste pagine non è da intendere come “un modo di pensare”, o una “corrente critica”. E' un termine, che non riguarda solo il pensiero intellettuale: non si tratta di una teoria che sostituisce un altra teoria. Il termine si è imposto, a partire dal volgere dei Settanta, adottato - a dispetto della sua relativa designatività - da quel nascente pensiero critico che, a fronte dei radicali mutamenti che interessano le società, cerca di riappropriarsi di qualche barlume di vero per costruirci “filosofia”, e, pur lontanamente, riscattare la filosofia stessa dalla tautologia in cui era caduta, ossia quella di tentare di dare un “ordine” al rinnovato (non-)senso del reale 2 . Il prefisso “Post-” non deve far pensare, come rileva Chambers, a un “un semplice segnale cronologico”. Implica invece un insieme di sentori, sensazioni, modi di vedere o percepire il mondo e percepirsi nel mondo che caratterizzano il quotidiano in cui viviamo. Anche adesso. --- Sostiene Deleuze 3 che è l'opera fondamentale delle società occidentali, codificare i flussi viventi. Naturalmente questo è sempre accaduto in sistemi capitalisti i quali, per loro natura, si fondano e mantengono su una capacità di riscuotere “consenso” apportata in larga misura da una minuziosa abilità nell'amalgamare le società sotto i confini di una visione del mondo unitaria. La storia delle società capitaliste è in fondo sin dalla sua nascita, la storia di una concertata costruzione di “punti di vista” scelti, selezionati accuratamente in base agli interessi di pochi, e 1 -Ether , nell'album “Entertainment!”, 1979. 2- L'enfasi sul reale, come vedremo, è al centro della critica di autori come Guy Debord, Michel Foucault, Roland Barthes, o i “decostruttivisti” in generale il cui pensiero “regge” questa tesi. 3- Cfr ad es: trascrizione della lezione frontale su “Anti Edipo e Millepiani”, tenuta durante un corso di filosofia a Vincennes, 16/11/1971. Consultata su www.scribd.com. 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

musica
sessualità
simulazione
identità
incomunicabilità
differenza
punk
cultura giovanile
sessantotto
settantasette
società dello spettacolo
guy debord
arte avanguardia
sex pistols
the clash
subcultura - sottocultura
blank generation
ramones
patti smith
situazionista
stile spettacolare
linguaggi - senso
velvet underground
musica nera - glam

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi