Skip to content

L'integrazione dei Visigoti nell'Impero: dall'età costantiniana al Regno di Tolosa

Informazioni tesi

  Autore: Silvia Catrambone
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Storia antica
  Relatore: Sergio Roda
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 207

Sebbene non si siano mai definiti come “Visigoti”, questa è la denominazione che si è affermata per designare il gruppo di Goti che, sotto il comando di Alarico, saccheggiarono Roma nel 410 e vennero insediati in Aquitania nel 418. Nel corso del quinto secolo, questo gruppo andò a costituire un regno indipendente entro i confini dell’Impero romano, il quale finì per espandersi e comprendere gran parte della Gallia meridionale e della Spagna. Ciò che è interessante nonché fondamentale comprendere è la costituzione di questa entità socio-politica che, dal 376 (attraversamento del Danubio), iniziò una “peregrinazione quarantennale” che si concluse nel 418 con la decisione imperiale di stanziare i foederati Goti in Aquitania. In questo arco spazio-temporale si formarono quelli che oggi chiamiamo Visigoti.
Secondo la tradizionale interpretazione del “periodo della migrazione” dei popoli germanici, questi sarebbero da vedere come gruppi etnicamente omogenei, e per giunta in possesso di identità di popolo chiaramente definite, irriducibili alla civiltà ellenistico-romana e ad essa irrimediabilmente contrapposte, in perenne movimento sul suolo imperiale alla ricerca di terre e benessere, alla stregua di “palle da biliardo”, secondo l’ironica quanto azzeccata analogia proposta da Peter Heather per definire la visione dei popoli barbarici propria della vecchia storiografia ottocentesca, supportata in questo da studi antropologici e archeologici precedenti la seconda guerra mondiale: stando a questi, l’identità sarebbe un fattore pressoché immutabile capace di resistere al trascorrere delle generazioni e dei secoli; sulla base soprattutto di ritrovamenti ceramici e di corredi funerari è possibile osservare la manifestazione di queste identità definite e delimitate a un determinato gruppo etnico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 I I Goti nella prima fase di integrazione nell’Impero Romano: dal foedus del 332 alla morte di Teodosio 1. La “questione gota” in sede storiografica. Sebbene non si siano mai definiti come “Visigoti”, questa è la denominazione che si è affermata per designare il gruppo di Goti che, sotto il comando di Alarico, saccheggiarono Roma nel 410 e vennero insediati in Aquitania nel 418. Nel corso del quinto secolo, questo gruppo andò a costituire un regno indipendente entro i confini dell’Impero romano, il quale finì per espandersi e comprendere gran parte della Gallia meridionale e della Spagna. Ciò che è interessante nonché fondamentale comprendere è la costituzione di questa entità socio-politica che, dal 376 (attraversamento del Danubio), iniziò una “peregrinazione quarantennale” 1 che si concluse nel 418 con la decisione imperiale di stanziare i foederati Goti in Aquitania. In questo arco spazio-temporale si formarono quelli che oggi chiamiamo Visigoti. Secondo la tradizionale interpretazione del “periodo della migrazione” dei popoli germanici, questi sarebbero da vedere come gruppi etnicamente omogenei, e per giunta in possesso di identità di popolo chiaramente definite, irriducibili alla civiltà ellenistico-romana e ad essa irrimediabilmente contrapposte, in perenne movimento sul suolo imperiale alla ricerca di terre e benessere, alla stregua di “palle da biliardo”, secondo l’ironica quanto azzeccata analogia proposta da Peter Heather 2 per definire la visione dei popoli barbarici propria della vecchia storiografia 1 H. Wolfram, Storia dei Goti (Roma 1986), cfr. p. 207. 2 P. Heather, “The Creation of the Visigoths”, The Visigoths. From the Migration Period to the Seventh Century. An Ethnographic Perspective, a cura di P. Heather, Studies in Historical Archaeoethnology 4 (San Marino 2001), pp. 41-92, cit. p. 43.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

integrazione
impero romano
storia romana
barbari
tardo-antico
germani
visigoti
aquitania
popoli germanici
popoli barbarici

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi