Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'Ape Piaggio nel cinema e lo sviluppo della società italiana dal secondo Dopoguerra agli anni del miracolo economico

La tesi di propone di analizzare l’intreccio tra le storie di un prodotto aziendale (l’Ape) e della società italiana attraverso l’analisi di alcuni film degli anni ’50 e ’60 che li descrivono. Si prenderanno dunque in considerazione un’azienda (la Piaggio), una componente sociologica (gli italiani e il loro comportamento durante la ripresa economica) e un mass media (il cinema).

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE La tesi si propone di dimostrare la relazione tra impresa e società e come questa viene rappresentata da un mass media -il cinema- di notevole impatto sulle vicende sociali e di costume in quel periodo in Italia. Vengono presi in considerazione tre elementi fondamentali della comunicazione d’impresa: la società e i suoi cambiamenti nel tempo; un'azienda, la Piaggio, con la sua capacità di interpretare i bisogni degli italiani attraverso la creazione di un prodotto (l'Ape); e infine un mass media, il cinema, che grazie ai grandi registi di quel periodo riesce a riportare sul grande schermo uno spaccato della società italiana degli anni Cinquanta e Sessanta. Il lavoro descrive: 1) il contesto storico-economico di riferimento. Brevemente ripercorre la storia italiana e la lunga e faticosa strada percorsa dagli anni del secondo dopoguerra a quelli del miracolo economico italiano; 2) le vicende di Piaggio dopo la fine del conflitto; Enrico Piaggio e la sua grande capacità di interpretare il bisogno di mobilità degli italiani; 3) il prodotto Ape Piaggio; 4) il ruolo dell'Ape nel cinema e la sua rappresentazione. Il cinema in questi anni riveste un ruolo molto importante, è lo specchio della società italiana. Attraverso gli occhi di Antonioni, Visconti, Pasolini e degli altri grandi registi dell'epoca gli italiani si riconoscono in tutti i film, da quelli comici a quelli drammatici. Entra quindi in scena il product placement cinematografico, ovvero lo strumento attraverso il quale un prodotto viene posizionato all'interno di un film. Nella maggior parte dei casi il product placement cinematografico è involontario, non viene pagato nessun corrispettivo alle aziende citate. Ma l'elemento da sottolineare è che Ape viene spesso utilizzata come background per rendere la scena più realistica. A pochi anni dalla sua nascita il veicolo a tre ruote fa già parte del paesaggio italiano, è diventato parte integrante dei costumi della società. Durante l'analisi dei frammenti di alcuni film, l'Ape appare in tutte le sue forme. Compare nei ruoli più diversi e al fianco di attori del calibro di Marcello Mastroianni, Nino Manfredi, Vittorio Gassman, Ugo Tognazzi, Vittorio De Sica, Anna Magnani e molti altri. La vediamo nelle classiche vesti di veicolo commerciale, ma l'originalità e la versatilità di questo veicolo gli permettono anche di rivestire ruoli più particolari, come ad esempio il taxi nelle isole o il veicolo al servizio dei comuni italiani. La rappresentazione dell'Ape è un elemento caratterizzante dei vecchi e dei nuovi mestieri con cui gli italiani si confrontano in quel periodo.

Laurea liv.I

Facoltà: Comunicazione Pubblica, Sociale e di Impresa

Autore: Lina Di Silverio Contatta »

Composta da 59 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1184 click dal 02/03/2012.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.